Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Roma, al via le iscrizioni al corso di videogiornalismo e inchiesta televisiva diretto da Wolfgang Achther
Tre video inchieste realizzate dai partipanti al corso verranno trasmesse su Sky per il programma di giornalismo di inchiesta Vanguard.
Il Corso di videogiornalismo e inchiesta televisiva è promosso dall’Associazione di Giornalismo Investigativo(AGI) con la collaborazione della società di produzione televisiva Karousel ed è rivolto a giornalisti e studenti che vogliano acquisire gli elementi tecnici e professionali necessari allo svolgimento di attività videogiornalistica da freelance. Diretto da Wolfgang Achtner, giornalista televisivo e documentarista per la CNN e ABC news per e consulente in Italia per l’Espresso e La 7, il corso dura tre settimane in modalità intensiva e consiste in una serie di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche. L'obiettivo primario è di permettere ai partecipanti di imparare come si fa un servizio televisivo conforme allo standard etico/giornalistico/tecnico dei telegiornali dei grandi network americani e britannici. S’impara come si lavora sul campo, come si effettua un'intervista, come si effettua uno stand up, come si scrive il testo abbinando il commento alle immagini, come si usa la videocamera e come si monta un servizio televisivo. L’offerta formativa si completa con la realizzazione retribuita di tre video inchieste che verranno trasmesse su Sky per il programma di giornalismo di inchiesta Vanguard. Le iscrizioni si chiuderanno il 30 Settembre 2009, mentre le attività formative si svolgeranno a Roma in Via Mameli Goffredo, 12 (Trastevere) a partire dal 5 Ottobre 2009 e termineranno il 24 Ottobre 2009. Il corso costa 3.000 euro iva inclusa (sono possibili rateizzazioni).
13/09/2009 15:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.