Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Roma. Niente pubblicita' di Current su mezzi pubblici: immagini (Bibbia e tre proiettili) possono urtare sensibilita'
L'Atac, l'azienda di trasporto pubblico capitolina, ha bloccato la campagna di lancio della nuova stagione tv del network - fondato da Al Gore e in onda dallo scorso anno in Italia sul canale 130 di Sky - che prevedeva l'affissione di manifesti nelle stazioni della metropolitana gia' da ieri.
Sui manifesti, che invece saranno visibili a Milano dal 26 febbraio, campeggiano, tra l'altro, una Bibbia e un fucile.
L'azienda di trasporto pubblico romana avrebbe motivato la sua scelta di non autorizzare la campagna  perche' 'utilizzava immagini inopportune e non adatte ad essere apposte sui mezzi pubblici'. Immagini dunque, fanno presente dal Campidoglio 'che potevano urtare la sensibilita' dei cittadini'.(ADUC)
21/02/2009 14:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Si schierano in favore dei loro colleghi di Sky i giornalisti della RAI che, stasera, durante tutti i Tg e Gr, leggeranno un “comunicato di solidarietà dei giornalisti Rai nei confronti dei dipendenti di Sky impegnati in una dura vertenza sindacale contro le ipotesi di esuberi e trasferimenti decisi dalla loro azienda”.