Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Scuola. Racconta il web: tra letteratura e tecnologia
Non si può certo negare che il Ministero della Pubblica Istruzione stia impegnando energie per incentivare le “buone prassi” nell’uso del web. Non solo, infatti, il ministro Gelmini ormai adopera largamente il linguaggio web per comunicare con gli studenti, ma lodevole è stata l’iniziativa del concorso “Racconta il web”, di recente emanazione. Infatti, in collaborazione con CASPUR (Consorzio Interuniversitario per le Applicazioni di Supercalcolo Per Università e Ricerca), questo concorso cerca di sensibilizzare i giovani nei confronti della rete e, soprattutto, ad un uso consapevole di essa. Possono partecipare gli studenti del primo biennio delle superiori, coordinati da un docente. Il mezzo espressivo può essere un breve video o una novella e gli argomenti da trattare vanno dalla chat alla posta elettronica e lo spam, dal P2P alle truffe economiche online. Curioso che sia prevista la modalità del racconto o della novella per affrontare tematiche così tecnologiche, ma probabilmente è un interessante esperimento per coniugare due mondi, solo apparentemente lontani : quello letterario e quello tecnologico. Il bando del concorso è corredato da un utile manuale in cui le tematiche da affrontare vengono spiegate ai giovani. Dov’è la notizia? La notizia è che finalmente la scuola affronta il mondo “esterno”, quello della quotidianità, sempre relegato dietro la lavagna! E lo fa senza rincorrere inutili “modernismi” o dimettendosi dalla sua funzione educativa. Esprimere le proprie idee su argomenti così tecnici con un mezzo espressivo squisitamente letterario, come il racconto o la novella, è la via giusta per non abdicare rispetto alla nostra cultura umanistica, pur affrontando tematiche estremamente contemporanee. D’altra parte un altro segnale importante è stato dato negli Esami di Stato (la cosiddetta “maturità) attualmente in corso. Uno dei titoli assegnati per redigere un articolo di giornale o un saggio breve, nell’ambito tecnico-scientifico, era: Social Network, Internet, New Media. E gli allievi hanno particolarmente gradito. (Antonio F. Vinci per NL)
28/06/2009 18:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.