Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Snowtape, radioregistratore per Internet (e Mac)
(Radio Passioni) - Una interfaccia molto pulita ed elegante (ma per Mac OS/Aqua non è una novità) per un altro tool di registrazione di stream radiofonici su Internet segnalato da Applegeneration.
Il programma si chiama Snowtape, viene dallo sviluppatore tedesco indipendente Vemedio (alias Martin Hering) ed è uscito in versione final letteralmente mentro stavo scrivendo questa recensione. In sostanza si tratta di una specie di estensione di iTunes capace di registrare le stazioni radio del suo catalogo di stream .mp3. E questo è un limite perché Snowtape parla solo questo tipo di codifica. In compenso si possono importare i flussi mp3 di altre emittenti radio su Internet non comprese nel catalogo di iTunes, salvandole in un proprio repository di stazioni. Oltre a registrare, un piccolo editor permette di ritagliare lo spezzone sonoro a piacimento. E a quanto leggo sul sito, Snowtape è già stato tradotto in italiano da un tempestivo volontario (non ho capito come attivare l'interfaccia). Altra pecca: per ora non mi sembra ci sia modo di programmare le registrazioni, come in RadioShift. Il programma è anche integrato con l'iTunes Store e con RadioURL, altro servizio Vemedio che permette di creare URL accorciate dai lunghi indirizzi degli stream audio. L'integrazione con iTunes è interessante. Quando state registrando un brano da una stazione catalogata nella Directory, Snowtape salverà il file con il nome del brano trasmesso. Cliccando sull'icona corrispondente alla registrazione, verrete catapultati in iTunes Store nella pagina relativa al brano, che sarà così acquistabile online (nel caso la vostra registrazione fosse parziale o non vi convincesse come qualità).
29/05/2009 19:50
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.