Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Sperperi. MSE-Com: corsi di riqualificazione per pochi intimi
 
I dipendenti del Dipartimento Comunicazioni ripongono grandi speranze sulla nuova gestione amministrativa del MSE per rimuovere vecchie cattive abitudini. In particolare, sul Blog Liguria si legge che con la precedente gestione del personale dell’allora Min-Com, l’amministrazione e i sindacati avevano firmato un accordo per un corso di riqualificazione bandito nel 2007 per i pochi passaggi di carriera disponibili secondo le antiche qualifiche del comparto Stato. Con l’avvento del nuovo contratto di lavoro, i dipendenti dell'ex dicastero delle Comunicazioni hanno avuto la possibilità di presentare, nel gennaio di quest’anno, delle nuove domande, le quali prevedono progressioni economiche graduali che, in una prima fase, interesseranno circa il 70% del personale con fondi attualmente già a disposizione del dipartimento (tant’è che gli altri dipartimenti del MSE, ben prima, si sono mossi in questa direzione). Il paradosso è che però all’atto dell’applicazione del nuovo contratto di lavoro, i precedenti corsi di riqualificazione non sono stati annullati. E ciò sebbene questi gravino non poco sull’amministrazione pubblica in termini di procedure, in quanto prevedono: una commissione istituita nel 2007 che, da allora, sta vagliando le domande di tutto il personale; la partecipazione di moltissimi dipendenti provenienti da tutta Italia per i pochi posti a disposizione, senza contare il carico di contenzioso giudiziario che inevitabilmente si innescherà a fronte di procedure di selezione che parrebbero ingiuste e superate. Tra l’altro, quest’operazione per pochi intimi, sottrae risorse al miglioramento di posizione del restante 30% del personale in una seconda fase contrattuale. Non sarebbe il caso che qualcuno a Roma ci buttasse un occhio?
02/04/2009 14:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Sono in corso in queste settimane delle verifiche a tappaeto degli impianti FM da parte di molti Ispettorati territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico.
Con riguardo all’applicazione del nuovo D.Lgs.128/16 per la messa a disposizione sul mercato di apparecchiature radio, in caso di autorizzazione a modifiche di impianti Radio TV (ex D.Lgs.177/05), all’utente finale (vale a dire all’emittente) viene richiesto di esibire la certificazione (nonché la documentazione a corredo) in caso di messa in servizio di nuove apparecchiature radio.
Come noto, a mente delle norme ITU-R, perché esista un’interferenza occorre che il segnale interferito abbia un c.e.m. utile, non potendo in caso contrario rivendicare protezione, atteso che il territorio esaminato non rientrerebbe nella “area di copertura”.
Accordo su "procedura operativa unica di intervento dei tecnici degli Ispettorati Territoriali del Ministero delle Sviluppo Economico a seguito di segnalazione degli operatori di telefonia mobile su interferenze di stazioni radio base".
Nuovo dirigente all'organo periferico bolognese del Ministero dello Sviluppo Economico. Vincenzo Zezza, ingegnere elettronico, già dirigente del MiSE alla Direzione Generale della Politica Industriale (settore automotive) succede nella direzione dell'unità locale a Marco Cevenini, che per anni ha proficuamente diretto quello che fino a poco tempo fa era l'Ispettorato Territoriale per l'Emilia Romagna (oggi Divisione IX della Direzione Generale Attività Territoriale).