Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Stampa, diffusione: la bolla dei quotidiani continua a sgonfiarsi
(ADUC) - Un po' tutti i quotidiani da qualche mese hanno smesso di regalare copie. Una strategia che drogava i numeri sulla diffusione. E dopo Corriere delle Sera (meno 12,5% in un anno) e Repubblica (meno 15,3%), anche il terzo quotidiano nazionale ha iniziato a fare pulizia: Gazzetta dello Sport ha smesso di inviare copie gratis a palestre o dentro gli stadi, cosi' a marzo, rispetto allo stesso mese del 2007, il giornale sportivo ha perso quasi il 10% di copie. Gli unici quotidiani che hanno aumentato la diffusione rispetto al marzo dell'anno scorso sono Avvenire (piu' 2%) e Stampa (piu' 0,4%).
 
 
 
 
18/04/2009 17:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
Il management di RCS MediaGroup ha sottoposto all’attenzione dell’assemblea dei soci (riunitasi la settimana scorsa per l’approvazione del bilancio 2015) un bouquet di dati che evidenziano nel primo trimestre di quest’anno andamenti migliori di quelli previsti all’avvio del piano industriale.
Nuovo polo editoriale da 750 mln di ricavi 800 mila copie diffuse in arrivo a seguito dell’acquisizione da parte di Espresso di Itedi; difficile identificare con certezza le ragioni dell’operazione. Ora la palla passa alle autorità per verificare eventuali minacce alla concorrenza.
Dal 27 gennaio il Corriere della Sera introdurrà il metered paywall per il proprio portale online seguendo l’esempio di altre blasonate testate estere. Prevista inoltre una riorganizzazione interna delle redazioni e del cammino seguito dalle notizie.