Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Streaming: la prima visione corre in rete. E’ notizia di questi giorni, molte aziende puntano sullo streaming on-line per la diffusione dei contenuti
Film, videoclip, contenuti di ogni genere, ormai molte aziende stanno puntando sulla diffusione on-line in streaming. Persino la RAI ha dirottato sulla rete interi palinsesti e contenuti e Telecom ha implementato ulteriormente il proprio servizio on-demand “Alice”. In America, l’azienda Netflix – realtà leader nel noleggio e nella vendita di contenuti audio e video – ha deciso di mettere on-line l’intero catalogo e di cavalcare l’onda dello streaming. Da più parti si vocifera che il mercato sembra pronto a fare il grande salto verso la smaterializzazione totale, abbandonando i vecchi e scomodi supporti fisici.  Per chi scrive, il fatto che grosse aziende puntino su questo tipo di servizio, oltre ad essere un sintomo indiscutibile di crescita tecnologica, sembra anche un grimaldello per poter ottenere diritti di contrattazione con la major musicali e discografiche, fino ad ora poco propense a veicolare i propri contenuti on-line per i rischi che a tutti sono ben noti e che su queste pagine abbiamo spesso menzionato. Del tutto nuova anche l’offerta di Apple: “I-Tunes Pass”. Un abbonamento per l’ascolto e la visione di un pacchetto di contenuti piuttosto interessante. Il lancio di questa nuova offerta è stato previsto in concomitanza con l’uscita del nuovo album dei Depeche Mode e consente l’accesso a tutti i contenuti che il gruppo produrrà entro un periodo limitato di tempo, fissato, per quest’occasione, al 16 Giugno 2009. (M.P. per NL)
25/02/2009 08:15
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.