Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Svizzera: concessione alla radio privata One FM
Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) ha dato via libera alla cessione della concessione di Buzz FM a One FM. Questa decisione è stata presa in seguito alla promessa di One FM di migliorare la sua offerta informativa, punto che le aveva impedito di ottenere una concessione lo scorso autunno. Le promesse fatte da One FM di migliorare la sua offerta in materia d’informazioni e l’impegno già profuso dalla radio per ampliare i suoi programmi in questo ambito hanno permesso al DATEC di approvare il trasferimento della concessione al termine di un’indagine conoscitiva. Nel frattempo l’emittente aveva già esteso la sua offerta informativa e assunto nuovo personale. Conformemente alle promesse fatte al DATEC, One FM amplierà ben presto la sua offerta d’informazione per la fascia oraria del tardo pomeriggio. Nell’ottobre 2008, in occasione del rilascio delle ultime concessioni radiofoniche regionali, il dossier di One FM era stato respinto. Era stata invece accolta la candidatura di Buzz FM, che incentrava il suo programma sull’informazione. Tuttavia, inizio novembre la nuova emittente ha deciso di rinunciare alla sua concessione a favore di One FM. La concessione vale fino al 31 dicembre 2019.
04/05/2009 06:36
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
Il 18 luglio la Swisscom smantellerà l'antenna di Cima di Dentro ad Isone nel Canton Ticino (inattiva dal 2008 dopo lo spegnimento della trasmittente in onde medie), che per 37 anni aveva irradiato la programmazione italiana della RSI - Radio Monte Ceneri anche in gran parte del Nord Italia.