Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Svizzera: trasferimento economico della concessione di Radio Basel 1: la quota maggioritaria a MFE AG
Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) ha approvato il trasferimento della quota maggioritaria di Radio Basel 1 AG a "Medien für Erwachsene AG" (MFE), società facente capo a Christian Heeb e all'uomo d'affari tedesco Karlheinz Kögel. A fine ottobre 2008 il DATEC ha rilasciato due concessioni radiofoniche OUC per la regione di Basilea, attribuite rispettivamente a Radio Basilisk (Martin Wagner) e Radio Basel 1 (Basler Zeitung Medien), emittenti già concessionarie. Christian Heeb e il suo progetto Radio RBB sono pertanto rimasti a mani vuote. Nel frattempo il gruppo Basler Zeitung Medien ha deciso di concentrarsi sul core business editoriale e di cedere a MFE la propria quota maggioritaria di Radio Basel 1 AG.  Il DATEC ha approvato il trasferimento economico della concessione, poiché MFE ha presentato un piano di finanziamento del progetto assolutamente plausibile e una programmazione convincente basata sull'informazione, promettendo inoltre di mantenere gli impegni presi in precedenza da Radio Basel 1 – ad esempio in materia di condizioni di lavoro e garanzia della qualità.  Il DATEC ha accordato il trasferimento economico della concessione di Radio Basel 1, a condizione che MFE ritiri il ricorso interposto dinanzi al Tribunale amministrativo federale contro la decisione dell'ottobre 2008 relativa al rilascio della concessione in questione.
23/07/2009 19:36
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
Il 18 luglio la Swisscom smantellerà l'antenna di Cima di Dentro ad Isone nel Canton Ticino (inattiva dal 2008 dopo lo spegnimento della trasmittente in onde medie), che per 37 anni aveva irradiato la programmazione italiana della RSI - Radio Monte Ceneri anche in gran parte del Nord Italia.