Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Svizzera: via libera a pubblicità birra e vino in televisione
In Svizzera la pubblicità per birra e vino alla televisione sarà possibile in futuro anche sui canali della SSR SRG. Dopo il Consiglio Federale, anche il Nazionale si è espresso a favore della pubblicità di alcolici in TV.
La decisione è stata presa con 92 voti favorevoli e 71 contrari, nel quadro dei lavori sul programma di sostegno al cinema dell'Unione europea (MEDIA). Il Consiglio degli Stati invece si è opposto per ben tre volte a tale proposta in nome della salute pubblica e della protezione dei giovani. La camera del popolo ha accolto la revisione della legge con 103 voti contro 69. Nulla è valsa al riguardo una proposta di rigetto avanzata da Ruedi Aeschbacher (PEV/ZH): una Conferenza di conciliazione dovrà trovare una via d'intesa tra le due Camere. Il Consiglio degli Stati ha dunque rinunciato al divieto in precedenza sostenuto, approvando la liberalizzazione proposta dal Consiglio nazionale e, di stretta misura, dalla Conferenza di conciliazione. Secondo il consigliere nazionale Jean-René Germanier (PLR/VS) la posizione del Consiglio degli Stati metterebbe in pericolo l'accordo MEDIA. Per partecipare al programma UE, la Svizzera infatti dovrà infatti applicare il principio del Paese d'origine in materia di pubblicità. Questa soluzione consentirebbe alle catene televisive straniere, in particolare tedesche, di diffondere pubblicità per birra e vino nel corso dei programmi destinati al pubblico svizzero. Le norme attualmente in vigore non permettono le pubblicità per birra e vino sugli schermi della Società svizzera di radiotelevisione (SSR), delle televisioni che diffondono su scala nazionale o linguistica, nonché nei programmi stranieri come M6 e Sat.1, che diffondono in Svizzera finestre pubblicitarie speciali. Le emittenti locali sono invece autorizzate da due anni a diffondere questo genere di pubblicità. La normativa vigente è però in contrasto con la disciplina europea che sottopone le finestre pubblicitarie diffuse dalle catene straniere unicamente alla legislazione del loro paese d'origine. Ciò permette ad esempio a TV tedesche di reclamizzare bevande alcoliche anche fuori dalle frontiere nazionali. Dato che l'Unione europea (UE) fa dipendere da questa regola la partecipazione della Svizzera al programma europeo di promozione cinematografica MEDIA, Berna si è vista costretta a rivedere la sua legge federale sulla radiotelevisione. Il Consiglio federale ha così deciso di allentare il divieto di pubblicità, anche per la SSR, senza tuttavia rinunciare ad una normativa propria che non sia né spropositata né discriminatoria e che risponda a criteri d’interesse pubblico. Il divieto di pubblicità politica e religiosa, per bevande ad alto contenuto alcolico e per quelle miste (i cosiddetti "alcopop") verrà così mantenuto. Nel contempo, la liberalizzazione così decisa permetterà alla Confederazione di beneficiare fino al 2013 del programma MEDIA, già recepito dalle Camere federali. Con esso si tenderà a promuovere lo sviluppo, la diffusione internazionale e la commercializzazione delle produzioni cinematografiche europee. Grazie a questo accordo, i cineasti svizzeri potranno beneficiare delle stesse misure di promozione assicurate ai loro colleghi dell'UE. (Paolo Masneri per NL)
01/10/2009 12:58
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.