Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Telecom Italia Media: Idv, Governo vigili su spezzatino frequenze La 7
"Le logiche di mercato non badano agli equilibri di un Paese democratico e l'intero sistema dell'informazione rischia cosi' di uscirne distorto.
Infatti, l'ipotesi di scissione di Telecom Italia Media, con la separazione delle emittenti di La7, La7d e Mtv dalle attivita' di emissione, e' gravissima, perche' favorirebbe il duopolio Rai-Mediaset, rendendo al contempo piu' vulnerabili i diritti dei giornalisti".  Lo denuncia il senatore dell'Italia dei Valori, Elio Lannutti, in un'interrogazione in cui chiede di sapere "se il Governo sia a conoscenza di questa operazione finanziaria e quali iniziative di competenza intenda intraprendere al fine di garantire maggiore chiarezza sulle modalita' di scelta dei futuri acquirenti del canale. Occorre valorizzare le risorse interne all'emittente televisiva, garantendo la pluralita' dell'informazione ed assicurandosi che operazioni poco trasparenti non danneggino i lavoratori de La7 e gli utenti televisivi italiani".  "L'Esecutivo deve vigilare sull'intero iter dello scorporo delle frequenze, affinche' l'operazione non porti ad uno smantellamento dell'informazione offerta dalla terza emittente in Italia, ovvero La7: una voce - conclude Lannutti - affidabile ed obiettiva all'interno del complesso panorama della comunicazione e dell'informazione nel Paese". (M.F. Dow Jones
 
 
29/06/2012 07:42
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Tempi d’oro per Urbano Cairo e la sua La7, che godono dei risultati derivanti dall’aver scommesso sull’informazione e l’approfondimento politico nel disegnare il proprio palinsesto.
Un ottobre d’oro per Canale 5 che, con uno share nelle 24 ore del 16,80%, supera Rai 1 (15,8%) grazie ad alcune prime serate di successo (come il Grande Fratello Vip) e al palinsesto nella fascia pomeridiana.