Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Telefonia mobile. Credito residuo non riconosciuto: dopo Tim, l'Antitrust indaga anche su Wind e H3g-3Italia
Ci scrive l'associazione di consumatori ADUC: "E dopo Tim-Telecom Italia (1), tocca a Wind e H3g-3 Italia essere 'indagate' dall'Antitrust per pratica commerciale scorretta in relazione al rimborso del credito residuo per l'utente che recede dal contratto. Le istruttorie fanno seguito ad una nostra denuncia di giugno 2008, in cui evidenziavamo il mancato rispetto delle norme da parte di tutti i gestori mobili in fatto di credito residuo, un diritto dei consumatori sancito sin dal 2002, che tuttora i gestori nella sostanza non garantiscono (2).
Le argomentazioni preliminari dell'Antitrust sono differenziate.
H3g-3Italia (3)
La condotta contestata alla societa' si sarebbe manifestata tra l'altro nel:
a) mancato riconoscimento del credito residuo sulle schede sim dopo la loro disattivazione (ossia, a seguito del diritto di recesso) anche ove i consumatori abbiano rispettato la procedura prescritta dalla societa';
b) imposizione di alcuni oneri, quali, a titolo esemplificativo, l'esborso di 10 euro per conseguire la restituzione del credito residuo, indicato nella "Carta Servizi H3g", disponibile sul sito
www.3.it;
c) mancanza di adeguata informativa al cliente sui tempi entro i quali la richiesta di rimborso verra' evasa dalla societa'.
Sono le medesime contestazioni mosse a Tim-Telecom Italia.

Wind (4)
La condotta contestata alla societa' consiste, in particolare, nella previsione di una procedura onerosa e farraginosa per conseguire la restituzione del credito residuo sulle schede sim dopo la loro disattivazione, procedura che dissuade i consumatori dal far valere i loro crediti; nonche' nel blocco, peraltro disposto senza preavviso, in caso di esaurimento del credito presente sulla sim, del servizio di ricezione degli sms fino al momento della successiva ricarica.
Oltre alle contestazioni mosse da Aduc, l'Antitrust ha individuato un'ulteriore potenziale condotta scorretta da parte di Wind: il blocco del servizio sms in ricezione, quando la sim e' scarica.

Domenico Murrone, Aduc Tlc -

www.aduc.dyn/dyn/tlc

************
(1) Telefonia mobile. Credito residuo non restituito: l'Antitrust apre istruttoria su Tim-Telecom Italia

http://www.aduc.it/dyn/tlc/comu.php?id=257771

(2) Portabilita' del credito residuo. Tim, Vodafone, 3 e Wind la negano da sei anni. Agcom minaccia ma non sanziona. Denuncia anche all'Antitrust

http://www.aduc.it/dyn/tlc/comu.php?id=222661

(3)

http://www.aduc.it/dyn/tlc/antitrustFaxTre20090427.pdf
(4)
http://www.aduc.it/dyn/tlc/antitrustFaxWind20090427.pdf
29/04/2009 11:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
L’Autorità Garante della Concorrenza ha deciso di avviare un’istruttoria sull’acquisizione del controllo di Italiana Editrice da parte di Gruppo Editoriale L’Espresso.
Sono stati pubblicati nel bollettino AGCM N.46 del 27/12/2016 i risultati dell’Indagine Conoscitiva sul settore Audiovisivo aperta dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nel 2010.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.