Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tempi stretti per l'approvazione della riforma dell'Ordine dei giornalisti
Il 5 novembre, la Commissione Cultura della Camera dei Deputati ha avviato la discussione della proposta di legge presentata da un gruppo di parlamentari, tutti per lo più giornalisti, che prevede la modifica, in alcuni suoi punti, della legge istitutiva dell’Ordine dei giornalisti.
Sono molto soddisfatto di questi primi risultati" ha affermato il relatore Giancarlo Mazzucca, membro della Commissione, giornalista e promotore della proposta di legge. "Ho avuto l’appoggio di tutti i partiti, in quanto anche la Lega si è dichiarata favorevole all’iniziativa. Credo, quindi, che, a questo punto, l’iter possa essere molto veloce. Mi auguro che si possa arrivare all’approvazione della Camera nel giro di tre mesi e a quella del Senato nell’arco di sei mesi".  La proposta di legge è stata presentata lo scorso 22 aprile dai deputati Pisicchio, Zampa, Mazzuca, Pionati, Merlo, Giulietti, Rao, Salvini, Lehner, Testoni e prevede modifiche alla legge n. 69 del 3 febbraio 1963, in materia di ordinamento della professione di giornalista. “Una legge ancora validissima nelle impostazioni di principio che risultano perfino più attuali oggi che in passato – si legge nella relazione di Mazzuca – ma che necessita di una profonda riforma per quanto concerne i dettami strutturali e organizzativi. L’esperienza di questi quarantasei anni, se da un lato ha confermato l’importanza dell’Ordine professionale come strumento in grado di dare ancoraggio e certezze normative all’indipendenza del giornalista, dall’altro ha fatto emergere i limiti dell’ordinamento attuale ovviabili in gran parte con una riforma che rende più agile ed effettiva l’azione dell’istituto”. Mazzuca ha, quindi, sottolineato i punti che, più in particolare, necessitano di una riforma: il sistema di accesso alla professione; una riduzione del numero dei componenti del Consiglio, oggi di dimensione pletorica; l’istituzione di una Commissione deontologica nazionale composta da nove membri, che garantisca tempestività e trasparenza nei procedimenti disciplinari; la costituzione di un giurì per la correttezza dell’informazione che possa risolvere velocemente le controversie. Lorenzo Del Boca, presidente dell’Ordine nazionale, ha manifestato apprezzamento a tutti i parlamentari per il lavoro che stanno facendo: “C’era e c’è una necessità non procrastinabile dell’aggiornamento delle norme che regolano la professione. E’ confortante sapere che i tempi, grazie al contributo di tutte le forze politiche, potranno essere brevi. In tal modo il Parlamento dimostra di voler farsi carico di parte dei problemi di una categoria che vive una stagione di grandi difficoltà. E con le nuove norme, i giornalisti avranno strumenti più adeguati per onorare il loro dovere costituzionale di informare i cittadini”.
 
Allegato
Dimensione
Proposta di legge.pdf 1.03 MB
Bollettino della Commissione.pdf 122.37 KB
Relazione.pdf 662.9 KB
11/11/2009 17:52
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.