Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Terremoto in Abruzzo: anche Facebook si mobilita
Centinaia di gruppi, raccolte fondi, passaparola e qualche sciacallo. Ecco un nuovo fenomeno sociale. L’Italia è sconvolta dalla tragedia del terremoto. Ogni organo d’informazione ne parla ininterrottamente, giornali con decine di pagine dedicate all’accaduto, telegiornali in edizione speciale, radio che seguono minuto per minuto l’evolversi degli avvenimenti dai luoghi della tragedia. È il classico circo dell’informazione che si autoalimenta, che, se vogliamo, trae persino vantaggio economico da eventi drammatici come quello accaduto nella notte tra domenica e lunedì. Ciò che di nuovo e socialmente affascinante è accaduto, a margine di questa catastrofe, è stato il comportamento ed il grossissimo coinvolgimento emotivo da parte del popolo dei social network ed, in particolare, di Facebook. Chi abbia avuto modo di sfogliare home page, profili e pagine di gruppi del social network più famoso del mondo, avrà certamente notato come, nel giro di pochissime ore, gli iscritti si siano letteralmente mobilitati e siano diventati attori attivi della vicenda. Gruppi, spesso eccessivamente buonisti e un po’ fini a se stessi, ma anche vere raccolte fondi, passaparola riguardo l’approvvigionamento di sangue per i feriti, tetti, cibo e vestiti per gli sfollati, semplici attestati di solidarietà. Un’altissima percentuale dei “cittadini” di Facebooklandia, magari senza staccarsi dalle proprie poltrone, si sono mostrati vicini alle popolazioni colpite dal sisma, hanno pianto, si sono emozionati e si sono arrabbiati nei confronti di chi poteva fare qualcosa e non l’ha fatto. Questo è un vero e proprio fenomeno sociale del nuovo millennio. C’è chi, magari senza aver nemmeno acceso una televisione o sintonizzato una frequenza radio, ha avuto accesso ad un gran numero di informazioni riguardo il numero dei morti, dei feriti, le città toccate dalla tragedia, le foto dei luoghi. Come ogni fenomeno sociale, certo, ha avuto anche dei risvolti negativi che non esiterei a definire raccapriccianti. Infatti, il fenomeno dello sciacallaggio on line ha mostrato più che mai la propria pericolosità anche in questa vicenda. Raccolte fondi fasulle organizzate da sedicenti personaggi apparentemente vogliosi di dare una mano, hanno costretto la gente di Facebook a comportarsi con diffidenza. Uno di questi è stato scoperto e sarà denunciato. Si tratta di M. P. che, spacciandosi per nipote di un omonimo (nel cognome) giornalista di Milan Channel e Mediaset ha pubblicato sul proprio profilo, nella giornata di ieri, un annuncio in cui invitava i suoi “contatti” ad aderire ad un’iniziativa benefica promossa da Mediaset Premium, in collaborazione con AC Milan, per donare soldi alle famiglie colpite dalla tragedia. Fortunatamente Mediaset ed il giornalista ingannato (che, tra l’altro, ha annunciato che denuncerà l’accaduto alla polizia postale) si sono affrettati a smentire qualsiasi connessione con questa presunta raccolta fondi. Pro e contro di un inarrestabile fenomeno sociale. (Giuseppe Colucci per NL)
07/04/2009 15:10
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.