Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Terremoto, Mediaset: un servizio all news per seguire la tragedia dell'Abruzzo

Ieri, dalle 6 della mattina fino a tardissima notte, l'informazione Mediaset ha garantito una costante e ininterrotta cronaca del terribile sisma che ha devastato la città dell'Aquila e gli altri comuni dell'Abruzzo. Una staffetta tra i notiziari in onda sulle tre reti del Gruppo ha garantito a tutti i telespettatori italiani un vero e proprio servizio all news, con aggiornamenti live, testimonianze, reportage in onda ininterrottamente per oltre 21 ore. Più di nove ore di edizioni straordinarie si sono infatti sommate alle 12 ore di informazione quotidiana che abitualmente le reti Mediaset forniscono ai propri spettatori. Per tutta la settimana, la programmazione Mediaset continuerà a tenere conto della necessità di fornire al paese una informazione tempestiva e completa della tragedia in corso. In particolare, stasera, la trasmissione Matrix abbandonerà il suo tradizionale studio per andare in onda, in diretta, dai luoghi della tragedia. Per garantire una cronaca completa degli eventi, Mediaset ha inviato in Abruzzo oltre 20 giornalisti, 20 troupe di ripresa, 10 responsabili di produzione, 4 mezzi mobili per i collegamenti in diretta, 5 stazioni di montaggio per servizi e reportage, 1 regia mobile bicamere per la messa in onda di speciali e approfondimenti. I numeri di questo importante presidio testimoniano, meglio di ogni altra parola, la serietà e l'impegno con cui Mediaset ritiene di dover svolgere la propria funzione di servizio pubblico e universale in momenti tragici come quelli che sta vivendo oggi il nostro paese.

07/04/2009 12:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.