Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TI Media, Ben Ammar nega coinvolgimento in operazione tv
(Reuters) - L'imprenditore franco-tunisino Tarak Ben Ammar non è coinvolto in alcuna operazione riguardante Telecom Italia Media. Lo afferma lo stesso Ben Ammar in una dichiarazione resa alle agenzie in riferimento a indiscrezioni di stampa odierne.  "In relazione alle notizie riportate dalla stampa sul mio presunto coinvolgimento nell'operazione Telecom Italia Media tengo a ribadire quanto già detto in passato, per ben tre volte, e cioè che si tratta di una notizia priva di fondamento", dice Ben Ammar.  Oggi La Stampa, riprendendo quanto si legge sul sito Dagospia, ha scritto che Tarak Ben Ammar "starebbe progettando un'operazione che dovrebbe portare le reti televisive fuori dal perimetro della società di telecomunicazioni anche con la prospettiva di assumere una partecipazione in proprio".  "Il mio ruolo di amministratore in Mediobanca e la mia presenza nel Consiglio di Telecom Italia, proprio in rappresentanza di Mediobanca, è sempre stato svolto, diversamente da ciò che viene rappresentato da alcuni organi ed agenzie di stampa, nell'interesse esclusivo delle società che rappresento e nel pieno rispetto delle norme che disciplinano le dinamiche delle società quotate in borsa nonché della regolamentazione del settore televisivo in considerazione anche del mio ruolo di operatore di rete con DFREE e di fornitore di contenuti con i canali Sportitalia e Sportitalia 24", prosegue l'imprenditore.  "Confermo di non avere mai parlato con Murdoch né di avere trattato tematiche relative a Telecom Italia Media che dispone di un proprio consiglio di amministrazione e di un management. Tali fantasie hanno lo scopo di portare turbativa sul mercato della trattazione del titolo Telecom Italia in Borsa e dunque vanno smentite immediatamente", conclude. Anche TI Media ha smentito in una nota del primo pomeriggio di aver in programma cessione di asset de La7, ammettendo tuttavia che "sono in corso" analisi sulla possibile valorizzazione di singoli asset.
10/07/2009 21:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.