Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tivù Sat: contenuti digitale Triplice Alleanza per 100% degli italiani. Contraddizione in termini: che senso ha occupare canali terrestri?
"Tivu' Sat e' un atto dovuto verso quei milioni di italiani che non ricevono il segnale digitale terrestre e che hanno avuto problemi a ricevere anche il segnale analogico e un passo importante che avvicina l'Italia all'Europa". Lo dichiara il presidente del provider satellitare Luca Balestrieri, presentendo la nuova piattaforma satellitare italiana gratuita realizzata da Tivu' Srl, societa' il cui capitale è suddiviso tra Rai (48,25%), Mediaset (48,25%) e Telecom Italia Media (3,5%), on air dal 31 luglio. "E' un'offerta completamente gratuita sul satellite e complementare al digitale terrestre. Insomma una semplice intesa e non una concentrazione tra imprese'', precisa subito Balestrieri, che spiega che la piattaforma antagonista di Sky (checché se ne dica) e' in grado di raggiungere anche le aree del territorio non coperte dalle reti terrestri (così come quelle già coperte, del resto, con la massima ridondanza) ed e' stata ideata sui modelli della britannica Freesat e della francese TNT Sat. Il provider assicurerà quindi la diffusione della televisione digitale gratuita sul 100% del territorio nazionale e per riceverla occorrerà una parabola orientata a 13 gradi est e un decoder specifico (ovviamente con prevedibile smart card), in vendita a circa 100 euro da fine luglio nei centri della grande distribuzione e nei negozi di elettronica di consumo (così per vedere i programmi RAI occorrerà pagare due volte). Molti però già si chiedono: se Tivù Sat duplica sul satellite la programmazione del DTT, raggiungendo per natura tecnica tutti gli italiani, che senso ha occupare anche canali terrestri per lo stesso prodotto? Non sarebbe stato più corretto destinare il terrestre esclusivamente alle locali, allora?
23/07/2009 13:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.