Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Guerre telefoniche di confine: a Bordighera si chiama coi gestori francesi. E i costi lievitano
Guerra dell’etere fra Italia e Francia nell’estremo Ponente ligure dove il segnale degli operatori telefonici d’oltralpe si sovrappone alle frequenze italiane facendo così lievitare i costi delle telefonate sui cellulari. La denuncia arriva dal Secolo XIX che questa mattina pubblica una mappa delle zone a rischio. Secondo il quotidiano, nella zona da Ventimiglia a Bordighera il segnale dei potentissimi ripetitori telefonici francesi va a sostituirsi a quello degli operatori italiani, in particolare Tim e Vodafone, e così le telefonate in entrata e in uscita vengono addebitate alla voce chiamate internazionali indipendentemente dal profilo tariffario scelto. Interpellati dal Secolo, i funzionari della Tim sostengono che “si tratta di un fatto tecnico”. “I nostri impianti - sostengono - sono perfettamente funzionanti. Sono gli operatori francesi a dover ridurre la portata dei loro sistemi”. Le normative francesi sulle emissioni elettromagnetiche sono infatti molto più permissive e consentono di ’sparare’ segnali decisamente più potenti di quelli consentiti ai gestori italiani. “Abbiamo già ricevuto numerose segnalazioni - aggiungono alla Tim - ed abbiamo interpellato i gestori francesi, ma evidentemente la situazione si è aggravata”. (ANSA)
31/03/2009 20:54
 
NOTIZIE CORRELATE
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Il TAR Lazio ha disposto una verificazione sul controverso fenomeno dell'insorgenza di interferenze in prossimità di sorgenti radioelettriche a seguito di delocalizzazione impiantistiche nelle aree ad elevata urbanizzazione, affindandola al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
Il ministero dello Sviluppo economico ha reso noto di aver terminato lo switch off degli impianti DTT che interferivano sull'Adriatico con i paesi confinanti.