Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc: SLC CGIL, governo non può permettersi di creare altri disoccupati
Il Coordinamento Unitario Telecom Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil ritiene inaccettabile che, in un momento nel quale l’occupazione deve rappresentare la priorità per tutte le forze politiche e sociali, si mettano in pericolo migliaia di posti di lavoro, con norme dirigiste che non considerano la reale funzionalità del sistema di telecomunicazioni italiano.
Il Governo non può permettersi di creare altri disoccupati”. Così annuncia una nota di Slc Cgil nazionale a commento dell’approvazione, da parte delle Commissioni Affari Costituzionali e Attività Produttive della Camera, della norma che separa i costi dell'affitto della linea da quelli delle attività accessorie. “Il Coordinamento Unitario ha, a tal proposito, dato mandato alle Segreterie Nazionali di intervenire sul Governo e sul Parlamento affinché si corregga la norma in questione e, se necessario, di attivare tutte le iniziative, anche di agitazione del personale al fine di contrastare l’approvazione della norma e di tutelare l’occupazione. La norma smentisce palesemente le regolazioni introdotte dall’AGCOM, unico organismo preposto anche dalla normativa europea, modificando sostanzialmente gli assetti d’impresa, introducendo elementi non presenti in nessun altro paese europeo, tali da indurre la stessa Comunità ad aprire una procedura di verifica sulla legittimità della norma rispetto alla disciplina Europea. Gli effetti potrebbero essere molto pesanti: da un lato il caos sulla gestione della rete in cui soggetti diversi potrebbero trovarsi a intervenire su un’unica rete, dall’altro il rischio di migliaia di esuberi in Telecom”.
 
 
 
 
09/03/2012 17:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Cresce il settore delle telecomunicazioni, guidato dai cosiddetti millenials: questo lo scenario delineato dalla ricerca firmata Unioncamere sulle imprese start-up dello scorso anno. Dai dati trasmessi, al 31 dicembre 2016 risultano registrate 2181 imprese di telecomunicazioni (e di servizi di accesso Internet) con un numero di nuove iscrizioni pari a 236; su 100 aziende del settore, il 52,4% vede come leader un under 35.
L'Agcom ha avviato una consultazione pubblica concernente modifiche ed integrazioni del Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa di cui alla delibera n. 8/15/CIR e successive modificazioni, in relazione all’uso dei codici 455 di cui all’articolo 22.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha indetto una procedura per il rilascio dei diritti d’uso delle frequenze per reti radio a larga banda punto-multipunto di cui alla delibera n. 195/04/CONS del 23 giugno 2004 dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni così come modificata dalla delibera 355/13/CONS.
Stiamo probabilmente assistendo ad una transizione importante nelle politiche di gestione dello spettro radioelettrico in Italia.
Mentre la (tardiva) attenzione del governo e dei media italiani si concentra sull'operazione Telefonica-Telecom, con annessi tentativi di chiudere la stalla a buoi scappati, nel resto del mondo continuano a manifestarsi i segni di un tumultuoso processo di concentramento del mercato delle telecomunicazioni.