Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Sviluppo banda larga, ADUC: "Il pianino del governo e la politica del tirare a campare"
Ci scrive l'associazione di consumatori ADUC "A fronte di toni da "rinascimento tecnologico", il piano del governo per lo sviluppo della rete Internet in banda larga e' un pianino.

Il sottosegretario alle comunicazioni Paolo Romani ha si' promesso banda larga minima di 2 mega a tutti gli italiani entro il 2012, ma ha rimandato a tempi futuri e indefiniti il cablaggio a banda larghissima (connessioni a partire da 50 mega) e la definizione dell'assetto proprietario della rete dell'ultimo miglio, oggi di Telecom Italia. Al contrario e' stata ribadita la strategicita' dell'italianita' di Telecom Italia. "Il nostro interesse e' che Telecom rimanga un'azienda italiana", ha detto Romani. Una promessa al vento, visto che Telecom Italia ha gia' oggi come suo principale azionista effettivo Telefonica, il gestore spagnolo, con cui Telecom Italia e' in forte competizione nell'importante mercato del Sudamerica.  Quanto annunciato e' tutto il contrario di quanto gli utenti italiani, famiglie ed imprese, necessiterebbero. Per mantenere una parvenza di italianita', a Telecom Italia continueranno ad essere assicurati privilegi anticoncorrenziali. Visto anche lo stato di salute finanziaria di Telecom Italia e la poca voglia di investire degli azionisti italiani.  E' la classica politica del tirare a campare, per salvare capre e cavoli (italianita' e investimenti), il Paese perdera' l'uno e l'altro e ci ritroveremo tra qualche anno con Telecom Italia sempre in precario equilibrio (finanziario e societario), e fortemente in ritardo nelle infrastrutture di rete.  Un mix che non favorira' neppure la crescita sana di altri gestori, che continueranno a fare concorrenza all'ex monopolista (che ancora controlla ben oltre il 50% del mercato), emulando le balle rifilate ai clienti.  La pavidita' del governo, non e' prudenza, ma una politica suicida che fara' molte vittime, a cominciare dallo sviluppo economico ed occupazionale. Altro che rinascimento tecnologico".

10/06/2009 12:17
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Dopo la firma degli accordi di programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate è stato pubblicato da Infratel Italia Spa il bando di gara per la costruzione e gestione di infrastrutture passive per la banda ultralarga nelle aree bianche delle regioni Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento.
Il prossimo 14 luglio nell'ambito della Federal Communications Commission (FCC) verrà votata la proposta Spectrum Frontiers, con cui potrebbero essere assegnati alla tecnologia 5G fino a 14 GHz dello spettro radioelettrico.