Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Tempi duri per Tiscali Uk: i revisori dei conti si rifiutano di certificare il bilancio 2008
Ernst & Young non se la sente di garantire che il bilancio 2008 rappresenti la reale situazione dei conti di Tiscali. I dubbi derivano da incertezze derivanti l’esposizione di Tiscali nei confronti di due grandi banche: JP Morgan e Intesa Sanpaolo. Proprio mentre i governi di tutto il mondo chiedono un giro di vite nei mercati finanziari, per riportare un po’ di serietà in un mondo troppo spesso dominato da spregiudicatezza e connivenza, arrivano i primi segnali rassicuranti. A inviarli è una delle più importanti aziende di revisione dei conti, Ernst & Young, che si è rifiutata di certificare il bilancio 2008 di Tiscali Uk. E la cosa non è di poco conto. Fino a qualche anno fa i revisori dei conti certificavano un po’ tutto, senza preoccuparsi più di tanto. Ricordate il caso Parmalat? La società di revisione di turno, Deloitte, fino a qualche mese prima del crac assicurava che i conti erano a posto. Per cui, il segnale lanciato da Ernst & Young è proprio forte. La motivazione? I revisori di E&Y non se la sentono di scrivere nero su bianco che il bilancio 2008 rappresenti la reale situazione dei conti di Tiscali Uk. A loro modo di vedere la salute dei conti dell’azienda di telecomunicazioni inglese dipende troppo dagli accordi che Tiscali raggiungerà con le banche con cui si è indebitata: JP Morgan e Intesa Sanpaolo. E fino a quando la situazione non sarà chiarita, fino a quando non si saprà in che modi e con quali tempi Tiscali si impegnerà a ripianare i suoi debiti, non è possibile dire nulla di certo sui conti dell’azienda. Tiscali ovviamente non è d’accordo con queste conclusioni, e si riserva di affidare l’incarico per una nuova revisione ad un’altra società. E&Y fa sapere che difficilmente un’altra società potrà giungere ad una conclusione diversa, a meno che – suggeriscono sempre quelli di E&Y – non sia priva di serietà. Ci vorrà qualche mese per capire come andranno a finire le cose. Certo è che per un mondo dove la fiducia conta quanto i buoni risultati, per Tiscali si tratta di un duro colpo di immagine, nel momento meno azzeccato di tutti. (Davide Agazzi per NL)
16/04/2009 17:20
 
NOTIZIE CORRELATE
Con la Brexit non si profilano solo conseguenze sulla finanza e le esportazioni: il Regno Unito rischia, infatti, di tagliare una corposa dose di fondi per uno dei suoi mercati più fiorenti, cioè quello audiovisivo.
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.
L’azienda del Regno Unito pressa gli utenti che si rifiutano di pagare il canone televisivo, che ammonta a 145,5 sterline: “Facciamo bene a fare tutto quello che possiamo” tuonano i vertici.