Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TP Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti vara progetto con Università per fornire supporto a studenti facoltà Comunicazione
TP Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti, ci fa sapere di aver "varato un progetto rivolto alle Universita' Italiane. Lo scopo e' quello di fornire, in accordo con il Consiglio Docenti, un supporto di tipo professionale agli studenti iscritti alle Facolta' di Comunicazione, il fine e' quello di creare una rete di rapporti e collaborazioni tra i professionisti della comunicazione di oggi e quelli del futuro".  Spiega TP: "Quello che vorremmo creare e' un percorso, i cui tre punti principali sono: INFORMARE: offrire le informazioni e i dati sufficienti a coloro che sono interessati al mondo della comunicazione, della pubblicita' e dei media. FORMARE: puntare sulla formazione, fornendo a chi ha dei dubbi sul proprio percorso di studio indicazioni utili e informazioni riguardo i momenti formativi idonei alla crescita della propria carriera universitaria e professionale. CREARE: proporre uno spazio virtuale dove gli studenti possano mettersi alla prova, discutendo i propri lavori e confrontandoli con quelli di altri giovani creativi e professionisti. L’obiettivo finale e' quello di riuscire, lavorando in piena collaborazione con le Universita' e i ragazzi stessi, a creare un ponte che colleghi il percorso di studi con il futuro lavorativo, il cui perno centrale sara' rappresentato dalla formazione". Per illustrare il progetto, TP ha convocato una conferenza stampa per venerdi’ 8 maggio 2009 alle ore 16.00 presso la sede TP di Via A. Salaino 7, Milano.
 
 
 
 
 
29/04/2009 16:26
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.