Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tre milioni di registrazioni per il dominio ’’.eu’’
Il dominio “.eu” ha consolidato la propria posizione tra i dieci più grandi domini di primo livello del mondo, assieme a “.com”, “.net” e “.org”.
Il dominio “.eu” ha consolidato la propria posizione tra i dieci più grandi domini di primo livello del mondo, assieme a “.com”, “.net” e “.org”.

Il numero di registrazioni di nomi di dominio “.eu” è aumentato di anno in anno dalla sua introduzione avvenuta tre anni fa, il 7 aprile 2006, per raggiungere i tre milioni all’inizio dell’anno in corso. All’inizio del mese scorso la Svezia ha compiuto un gesto simbolico diventando il primo Stato membro dell’UE ad adottare il dominio “.eu” per il sito ufficiale della presidenza dell’Unione europea che il paese terrà a partire dal 1° luglio: www.se2009.eu. (Europa Regioni)

 
 
08/04/2009 05:09
 
NOTIZIE CORRELATE
La Commissione Europea ha presentato una nuova proposta per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming all’interno della Comunità entro giugno 2017, dopo aver scartato la precedente a causa delle diverse lamentele.
Alcune tra le più importanti case editrici tedesche (chiamando a raccolta anche imprese svedesi, danesi e italiane) hanno chiesto al presidente russo Vladimir Putin di rinviare di un anno il divieto per gli stranieri, di possedere più del 20 per cento della proprietà di media russi.
Gli Stati sono tenuti ad adottare adeguate misure per garantire una sicura custodia delle intercettazioni telefoniche depositate in un fascicolo processuale.
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).
“Il rapporto Lamy introduce un elemento di chiarezza in una materia complicata: il conflitto tra tv e tlc in Europa non serve a nessuno”.