Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV: addio a Giulio Macchi, spiegò la scienza agli italiani
(ANSA - di Silvia Lambertucci) - Il pubblico televisivo degli anni Sessanta e Settanta ricorda Giulio Macchi, morto a 91 anni stamattina nella sua casa romana, per la popolarità di trasmissioni di informazione che hanno fatto la storia della televisione pubblica, come Orizzonti della Scienza e della Tecnica e Habitat, con le quali portò nelle case degli italiani, rendendo quei temi accessibili a tutti, grandi medici, scienziati, ingegneri e urbanisti.
Macchi, regista, conduttore e autore televisivo è stato un vero pioniere della divulgazione scientifica in tv.
Lombardo - era nato a Cantù in provincia di Como nel 1918 - studi interrotti per la guerra (che lo vide prigioniero in Africa) aveva esordito nel cinema, lavorando nell'immediato dopoguerra con registi del calibro di Jean Renoir, Rossellini, Emmer e Comencini.
Alla Rai arrivò nel 1957 con La Cortina di Vetro, un'inchiesta sulla burocrazia italiana in cui per la prima volta si impiegava la tecnica della telecamera nascosta per riprendere tutto ciò che avveniva tra le polverose scrivanie dei burocrati. Specializzato in programmi di informazione, ha firmato documentari inchiesta in Giappone e diversi servizi speciali per il Tg, ma anche programmi, come Viaggio intorno al cervello e Linea contro Linea.
Del '66 il suo programma forse piu' noto, Orizzonti della Scienza e della Tecnica, che inventò e condusse per oltre nove anni e con il quale fece conoscere al grande pubblico, importanti medici e scienziati.
Sempre semplice e rigoroso, fu anche decisamente innovativo: sua per esempio - era il 27 maggio del 1972 - l'idea di ospitare in trasmissione l'amico giornalista Gigi Ghirotti, che in diretta, rompendo quello che allora era un vero tabù, raccontò di avere un cancro ("Ho un cancro e lo so. Parliamone"). A Ghirotti e alla sua malattia, raccontata fino allo stremo come un vero e proprio reportage, Macchi dedicò nel 1974 l'ultimo speciale di Orizzonti.
Altrettanto popolare, sempre negli anni Settanta, il suo ultimo programma televisivo, Habitat - Un ambiente per l'uomo, in cui portò alla ribalta del piccolo schermo i problemi dello sviluppo urbano e le sue ripercussioni sulla vita sociale.
Vedovo, senza figli, Macchi viveva a Roma. I funerali si terranno lunedì alle 12 nella chiesa degli Artisti.
28/03/2009 22:55
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.