Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Adobe presenta nuova versione Flash per set-top box. Un nuovo passo verso la convergenza tra TV e Web
(Punto Informatico) - Proseguendo nel suo obiettivo di rendere Flash una tecnologia universale, disponibile su tutte le principali categorie di device, Adobe ha ieri annunciato il lancio di una nuova versione della propria piattaforma multimediale dedicata ai set-top box.
La nuova soluzione di Adobe permette alle aziende che operano nel settore dell'intrattenimento di trasmettere verso i televisori gli stessi contenuti multimediali e interattivi che oggi caratterizzano il Web 2.0. La mamma di Flash sostiene che Internet e i web service diverranno un elemento chiave anche nel mondo della TV, e consentiranno agli utenti di usufruire, comodamente seduti sul proprio divano, degli stessi contenuti online a cui oggi sono abituati ad accedere per mezzo di un personal computer. Attorno alla propria piattaforma di streaming, Adobe ha già raccolto alcuni importanti partner come Atlantic Records, Broadcom, Comcast, Disney Interactive Media Group, Intel, Netflix, STMicroelectronics, The New York Times Company, NXP Semiconductors e Sigma Designs. Con Intel, in particolare, Adobe aveva già stretto accordi ad inizio anno per portare Flash sull'Intel Media Processor CE 3100, un system-on-chip che sarà impiegato su molte delle set-top box - televisori, player Blu-ray, decoder TV, media center - su cui girerà la piattaforma multimediale di Adobe. Abbracciando la tecnologia di Adobe, colossi come Disney, Comcast e Time Warner stanno tentando di "svecchiare" la TV tradizionale sposandola con il Web. I contenuti interattivi non sono certo una novità nel mondo della TV, ma oggi che i giganti del "piccolo" schermo stanno diventando anche grandi fornitori di contenuti per il Web, l'unione dei due media può consentir loro di focalizzarsi su un unico tipo di tecnologia e su di una sola offerta, aprendo la strada alla piena convergenza tra TV e Internet. Dal punto di vista tecnico, poi, Flash offre un livello di interattività e di multimedialità di gran lunga superiore a quello oggi fornito dalla TV digitale via cavo o terrestre, aprendo una "finestra" su servizi come YouTube e Facebook. La soluzione di Adobe comprende anche un ambiente di sviluppo che permette di creare widget in Flash ottimizzati per gli schermi televisivi. Queste applicazioni potranno essere utilizzate dai fornitori di contenuti per veicolare sulle set-top box mappe, meteo, quotazioni di borsa o programmi di messaggistica, e saranno progettate per occupare solo una porzione dello schermo: ciò consentirà agli utenti di avere sott'occhio più fonti d'informazione o di contenuti, senza eventualmente rinunciare a vedere il proprio programma TV preferito. Qualcosa di simile a quanto per altro sta già offrendo Yahoo! attraverso il proprio Widget Channel, che fornisce accesso a servizi come Flickr, Yahoo News, Yahoo Weather e Yahoo Finance, USA Today, YouTube e eBay.

Alessandro Del Rosso

21/04/2009 05:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
A partire dal 01/01/2017 sul territorio nazionale non possono più essere venduti televisori con le vecchie codifiche DVB-T/MPEG2 o MPEG4.