Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, "Affari tuoi": il Codacons chiede a RAI ed Endemol di rendere il gioco dei pacchi più trasparenti
Scrive il Cadcons: "In una riunione svoltasi nella sede dei Monopoli di Stato con RAI e Endemol avvenuta venerdì scorso il Codacons - che ha raccolto centinaia di deleghe di teleutenti che intendono chiedere i danni alla RAI per "Affari tuoi' - ha presentato le proprie richieste per rendere più trasparente il gioco dei pacchi".
Continua il comunicato dell'associazione di consumatori: "Nello specifico le richieste sono le seguenti: Innanzitutto che nessuno, ovviamente a partire dai concorrenti fino alla produzione, deve conoscere il contenuto dei "pacchi" per evitare che possano verificarsi interferenze umane sul gioco. O in ogni caso, al fine di evitare o comunque rendere residua la possibilità di interferenza umana (vietata tra l'altro dall' art. 8 del D.P.R. 430 del 2001 che regola i giochi a premio) e riportare su di un piano di parità la produzione e il concorrente, è stata proposta una modifica nella modalità di svolgimento del programma quando rimangano due ultimi pacchi in gioco. E cioè quella di lasciare in ogni caso al concorrente, in tale ultima fase del programma, il diritto di cambiare il pacco in suo possesso con l'altro rimasto in gioco a suo insindacabile giudizio. Si sono discusse inoltre una serie di proposte riguardo, tra le altre cose, la partecipazione a turno delle Associazioni dei Consumatori iscritte nel C.N.C.U. per controllare il regolare svolgimento del gioco e la gratuità e rotazione della presenza del Notaio incaricato a vigilare sulla trasmissione. La RAI ha dato la propria disponibilità a discutere delle proposte, mentre Endemol ha opposto un netto rifiuto affermando che qualsiasi modifica al gioco, compresa la variante nell'ultima fase di gioco, sarebbe impossibile essendo il format proprietà degli olandesi e immodificabile. Il presidente del Codacons, avv. Carlo Rienzi, ha duramente contestato Endemol ricordando che la nostra legge obbliga al rispetto della casualità e pone il divieto assoluto di interferenza nella scelta dei vincitori, cosa che non è garantita con la conoscenza, da parte del c.d. "infame' o "dottore', del contenuto dei pacchi". Inoltre l'associazione ha ricordato che il Ministero dello Sviluppo economico ha vietato tutte le edizioni della trasmissione tranne quella in corso e che a breve il TAR si pronuncerà anche su quella in corso. Gli incontri, a questo punto proseguiranno tra RAI e Codacons per tentare una soluzione al contenzioso.
29/09/2009 16:05
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Arriva l’ok anche dell’Antitrust francese per la fusione di Shine France ed Endemol Shine senza condizioni particolari l’authority, infatti, ha stimato l’assenza di una minaccia effettiva per la concorrenza.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”