Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV. Annozero. Masi a Santoro: riequilibrio e via Vauro. La vicenda sarà all’attenzione del CdA del 22 aprile
Un immediato riequilibrio relativo ai servizi andati in onda dall'Abruzzo giovedì scorso e la sospensione del vignettista Vauro, per il disegno dedicato all'aumento delle cubature dei cimiteri per accogliere le vittime del sisma. Si concretizza in questi termini l'intervento del vertice della Rai nei confronti di Michele Santoro, dopo la contestata puntata di Annozero sul terremoto. La vicenda sarà comunque all'attenzione del cda, previsto il 22 aprile. Dopo le critiche del presidente della Camera Gianfranco Fini e del premier Silvio Berlusconi, il direttore generale di Viale Mazzini e il presidente, Paolo Garimberti, avevano immediatamente espresso solidarietà alla protezione civile - finita nel mirino di Annozero per la mancata pianificazione dell'intervento sul territorio - e attivato un'istruttoria per valutare le eventuali violazioni delle normative e dei regolamenti aziendali. Ieri pomeriggio c'era stato un primo incontro - aggiornato a questa mattina - al quale - oltre a Masi e Garimberti - avevano partecipato anche il vice dg Giancarlo Leone, il responsabile Risorse artistiche Lorenza Lei e i rappresentanti dell'ufficio legale. «Il direttore generale, Mauro Masi, con tutte le strutture aziendali competenti - spiega la nota diffusa oggi da Viale Mazzini - ha esaminato alla luce delle normative di legge vigenti e i regolamenti aziendali la puntata di giovedì scorso di Annozero. Fatte salve le valutazioni di competenza del cda, il direttore generale ha inviato a Michele Santoro e ai direttori del Tg3, Antonio Di Bella (testata sotto la quale è ricondotto Annozero in periodo di par condicio, ndr) e di Raidue, Antonio Marano, una lettera sulla necessità che sin dalla prossima puntata siano attivati i necessari e doverosi riequilibri informativi specificatamente in ordine ai servizi andati in onda dall'Abruzzo. Non sono stati invece ravvisati - si sottolinea - sostanziali elementi di squilibrio nel dibattito svolto in studio nel corso della trasmissione». Sempre in relazione alla puntata di giovedì scorso «è stata invece valutata gravemente lesiva dei sentimenti di pietà dei defunti e in contrasto con i doveri e la missione del servizio pubblico la vignetta di Vauro Senesi 'Aumento delle cubature. Dei cimiterì. Il direttore generale ha quindi comunicato ai direttori Antonio Di Bella e Antonio Marano e allo stesso Senesi che la Rai in via cautelativa e da subito non intende avvalersi delle prestazioni dello stesso Vauro Senesi». (ANSA)
 
 
16/04/2009 07:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Dallo scorso 18 giugno, data che coincide con la chiusura del programma “Servizio Pubblico” (uno dei talk show politici più seguiti degli ultimi anni), e che decretò la fine dei rapporti tra Michele Santoro (foto) e La7, è trascorso ormai molto tempo.
Il nuovo programma si prospetta essere uno degli appuntamenti più attesi di quest’ultimo scorcio di stagione televisiva: i veri protagonisti saranno i giovani, ricalcando la formula del primo Amici di Maria De Filippi (il talk generazionale degli anni Novanta, non il talent di oggi).
"E' evidente che Sandro Parenzo sta a modo suo esprimendo la sua critica per una sentenza che se confermata in appello limiterebbe molto la liberta' d'espressione. Cio' detto, ho buone ragioni per credere che domani il programma andra' in onda su tutti i segmenti della multipiattaforma".
Il tribunale civile di Torino ha condannato la Rai e il giornalista Corrado Formigli a risarcire con cinque milioni di euro Fiat Group Automobiles.
Gianni Monaco, su www.Lanostratv.it, scrive che Michele Santoro, emigrato da mamma Rai perché osteggiato e censurato, arrivato finalmente sulla sua piattaforma libera da compromessi, si sia trasformato in un agnellino.