Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Bbc News: tagli per 100 milioni in 5 anni. A fine marzo una riorganizzazione editoriale

Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
Bbc News dovrà fare i conti con il nuovo piano di spesa dell’emittente britannica, risparmiando 80 milioni di sterline (103 milioni di euro) entro il 2022. Una dieta forzata che è solo uno degli aspetti della più generale campagna di tagli in programma alla Bbc, che ammonta ad un totale di ben 550 milioni di sterline (704,4 milioni di euro). Viene da sé che la chiusura del rubinetto dei fondi porterà, inevitabilmente, ad un riassetto dell’operatività redazionale. A questo proposito è intervenuto proprio James Harding, responsabile dell’area news, che ha sottolineato come «d’ora in poi non potremo più fare tutto quello che facevamo prima». Sempre Harding ha annunciato che la riorganizzazione delle attività redazionali avverrà verso fine marzo, anche se ancora non si è deciso quali servizi subiranno gli interventi più drastici; va detto però che le previsioni sulla raccolta pubblicitaria fanno tremare soprattutto il portale internet “bbc.com” e Bbc world news. L’importanza strategica della redazione internazionale rimane però elevata: proprio secondo questa prospettiva va inquadrato l’intervento del governo britannico, che ha stanziato 35 milioni di sterline (44,8 milioni di euro) per l’anno a venire, e altri 85 milioni per i successivi 3 anni (109 milioni di euro). La sola area news di Bbc conta 7400 dipendenti, sul totale dei 18000 lavoratori dell’emittente tv e radio d’oltremanica; il primo obiettivo sarà quello di arrivare a fine 2017 avendo risparmiato almeno 5 milioni di sterline (6,4 milioni di euro). Ancora non sono stati annunciati licenziamenti; tuttavia con i tagli in programma è forte il rischio per qualche testa di saltare. (G.C. per NL)
01/03/2016 15:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.
La WPP, colosso nel campo pubblicitario, ha concluso il terzo trimestre dell’anno con una crescita del fatturato del 23,4% (per circa 4 miliardi di euro) in linea con i primi sei mesi del 2016.
Con la Brexit non si profilano solo conseguenze sulla finanza e le esportazioni: il Regno Unito rischia, infatti, di tagliare una corposa dose di fondi per uno dei suoi mercati più fiorenti, cioè quello audiovisivo.
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
Il quotidiano britannico The Independent (nato nel 1986 ed oggi di proprietà del gruppo Esi Media, controllato dagli uomini d’affari russi Aleksandr e Ievgheni Lebedev) ha annunciato che l’ultimo giorno in cui arriverà nelle edicole sarà il 26 marzo.