Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Berlusconi contro le fiction Rai: "Fanno pubblicità alla mafia"
 
''Dobbiamo detassare le imprese che si occupano di cultura''. E' la proposta lanciata da Silvio Berlusconi in una conferenza stampa in piazza San Lorenzo in Lucina, sede di Fi, per lanciare il nuovo Dipartimento della cultura azzurro.
Rivendicando di essere l'ex premier attacca la Rai, accusandola di fare pubblicità alla mafia. ''Non si tratta di fare pubblicità alla mafia come fa la tv pubblica. Noi questo non lo facciamo, non l'abbiamo mai fatto, noi facciamo fiction per promuovere l'Italia''. Poi alza il tiro contro la sinistra colpevole di aver egemonizzato la cultura così come ha fatto con la magistratura. ''Ha conquistato il mondo della cultura, attraverso la conquista delle 'casematte' e ha applicato questo sistema in un modo assolutamente professionale mettendo i suoi uomini nella scuola, universita', case editrici, nei giornali, nella televisione pubblica, nella magistratura, dove prima nel 1964 e poi nel '68 nasce Magistratura democratica, e questo e' continuato sino ai nostri giorni e noi liberali non abbiamo saputo controbattere a una strategia così ben attuata''. Sulla futura leadership azzurra per Berlusconi sarà ''assolutamente naturale'' fare le primarie per trovare un suo sostituto ma, ribadisce, si faranno ''se io non sono in campo perché con me non ce n'è bisogno''. (Adnkronos)
07/05/2014 16:07
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”