Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Da Novembre 2009 un decoder unico per IPTV e DVB-T
Convergenza, questa è la parola chiave, il grimaldello che permette di apprezzare l’innovazione tecnologica e di sviluppare un mercato che individua percorsi ed obiettivi condivisi. La digitalizzazione delle reti televisive, il famoso switch-off, è argomento ben noto ai lettori di questa testata. Tale processo è strategico per normalizzare il sistema economico e televisivo del nostro Paese, data la distribuzione contemporanea dei contenuti su diverse piattaforme (satellite, digitale terrestre, IPTV). In questo contesto era auspicabile l’impiego di uno standard comune che spostasse il confronto e la competizione dei soggetti coinvolti dal piano tecnologico a quello dei contenuti. Ecco perché il decoder unico, a seguito di una partnership tra Telecom Italia, Wind e Fastweb, può rappresentare lo standard comune in grado di consolidare la tecnologia acquisita riunendo un numero maggiore di consumatori. I numeri dell’IPTV sono certamente cosa da poco se confrontati con quelli del digitale terrestre e del satellite, che, alla fine del 2008, raggiungevano rispettivamente 5,7 e 6,3 milioni di famiglie, ma i valori assumono tutta un’altra luce se guardati in un’ottica di medio periodo. Ci si aspetta, infatti, che nei prossimi anni l’IPTV coprirà un’ampia fetta del mercato delle tv digitali, soprattutto in quelle aree dove non si è mai sviluppata la televisione via cavo tradizionale (come nel nostro paese). Quando e come sarà immesso sul mercato non è ancora dato saperlo, ma crediamo sia un segnale positivo indice di un cambiamento all’interno del quale possano essere i contenuti a rivestire il ruolo centrale. (M.P. per NL) 
30/06/2009 07:19
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).