Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV, DTT, USA: Obama posticipa switch-off a giugno, ma molte tv migrano comunque. E l'utenza esplode con le lamentele
Un quarto delle stazioni televisive americane hanno ’spento’ i loro segnali analogici, entrando nell’era delle trasmissioni solo digitali. Nonostante due anni di preavviso e un’intensa campagna promozionale nazionale, centinaia di apparecchi che non erano stati convertiti si sono oscurati d’un tratto, provocando proteste in tutto il paese. Il governo americano ha previsto da tempo incentivi per favorire l’acquisto di apparecchi digitali o di convertitori del segnale. Il 17 febbraio era la data prevista per la fine delle trasmissioni analogiche dopo oltre mezzo secolo, ma l’amministrazione Obama ha ritenuto che la preparazione del paese per il passaggio al digitale non fosse adeguata e ha prorogato al 12 giugno prossimo il termine obbligatorio per lo stop. Ma centinaia di stazioni televisive hanno deciso di mantenere la scadenza del 17 febbraio, per la quale erano già pronte. Una ‘unita’ di crisì era stata allestita per far fronte alle possibili proteste o richieste di chiarimenti da parte degli utenti, che non si sono fatte attendere: centinaia di telefonate a un apposito centralino hanno dimostrato che una larga fetta dell’utenza era all’oscuro della novità. Il governo federale intende utilizzare le frequenze lasciate libere dal segnale analogico per sfruttarle per servizi di Internet senza fili, traffico radiofonico d’emergenza e altri usi. (ANSA)
21/02/2009 13:59
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Certificazioni dei protocolli e percorso comune. Trovare la strada per stare insieme il più possibile, sia per i progetti di standardizzazione, ma anche per le certificazioni dei protocolli.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.