Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Francia: la tv senza spot non guadagna, anzi. Bene invece il DTT
(Adnkronos) - Dopo la scomparsa, tre mesi fa della pubblicita' tra le 20 e le 6 sulla televisione pubblica francese, l'effetto della misura presenta ancora luci e ombre. L'obiettivo del governo, che era di dirottare risorse pubblicitarie dalle tv pubbliche (-800 mln di euro) a quelle private (+480 mln) e nel contempo di aumentare gli ascolti dei canali di Stato del gruppo France Televisions (i cui canali sono France 2, France 3, France 4, France 5 e France O) non e' stato ancora raggiunto. E questo anche a causa della crisi economica che ha di fatto ridotto le entrate pubblicitarie: il fatturato pubblicitario televisivo totale nel primo trimestre e' in calo del 2% a 1,467 mld. Ma non solo. Sull'audience del tv pubbliche e private 'tradizionali' e sull'entrate pubblicitarie pesano anche la forte crescita del digitale terrestre. E se da un lato si sono drasticamente ridotte le entrate pubblicitarie delle tv private nel primo trimestre dell'anno, dall'altro quelle delle televisioni del digitale terrestre sono aumentate fortemente (+71% secondo il bilancio trimestrale dell'agenzia Yacast). Il fatturato pubblicitario delle televisioni tradizionali (escluso il gruppo France Televisions) si e' attestato a 1,047 miliardi di euro nei primi tre mesi del 2009, in calo del 12% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Per Tf1, il principale canale privato francese, le entrate pubblicitarie hanno registrato un calo del 17% a 609 mln di euro, per M6 una flessione del 5% a 300 mln. Canal +, invece, ha registrato una crescita del 26% a 42 mln di euro. I canali gratuiti del digitale terrestre ormai rappresentano in Francia una realta': accaparrano il 18,2% del mercato pubblicitario contro il 10,2% per i canali via cavo e del satellite e il 71,4% dei canali tradizionali.
20/04/2009 19:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.