Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv: in RAI calano gli ascolti, tra programmi fotocopia e problemi tecnici
Qualità dei contenuti non sempre all’altezza, ricanalizzazione improvvisata, switch-over, risparmio non programmatico: queste le componenti principali che hanno determinato il calo degli ascolti delle reti nazionali. Si salva appena RAI 1 con il Tg delle 13.30 e poche altre fasce del palinsesto (prime time e day time). La Tv Mediaset-style non è adatta all’emittente di Stato, che dovrebbe integrarsi, piuttosto che appiattirsi sui player privati. Anche le problematiche tecniche legate alla digitalizzazione delle reti Tv di certo non agevolano la crisi che la RAI sta vivendo. Che bisogno c’era di affastellare la ricanalizzazione della banda III con lo switch over e lo switch off dei prossimi mesi? Lo abbiamo ripetuto sino alla noia su queste pagine. Gli utenti – al di là dei proclami di Paolo Romani – si dibattono in grandi difficoltà, tra risintonizzazione dei propri apparecchi (prima per la risintonizzazione del VHF III, poi per la ricerca dei nuovi canali DTT nelle aree migratorie), acquisto e programmazione dei decoder, eventuale (ri)orientamento delle antenne, spese extra per l’intervento dei tecnici. Poi, certo, possiamo anche credere alle pillole dorate dei dispensatori a nastro di dati positivi; ma ci paiono più indicative le migliaia di telefonate pervenute agli Ispettorati territoriali del MSE-Comunicazioni di utenti oscurati dalla ricanalizzazione selvaggia. Ecco anche perché RAI perde ascolti e da questo girone di canali impazziti usciranno vincitrici le private. O almeno una di esse. (M. P. per NL)
09/07/2009 13:38
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).