Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, informazione, Sky Tg24: Codacons “Almeno un tg deve tornare in chiaro. Agcom e Parlamento intervengano”
Per l'associazione dei consumatori la decisione di Sky di oscurare Sky Tg24, il telegiornale che era visibile in chiaro a tutti i possessori di un decoder satellitare e che ora è visibile solo per gli abbonati è una "pessima idea editoriale". Secondo il Codacons, "In una situazione come quella italiana, dove Rai e Mediaset hanno la gran parte del mercato televisivo, i telegiornali in chiaro di Sky contribuivano con quelli di La7 a spezzare il duopolio dell'informazione televisiva". Per questo il Codacons chiede di ritornare allo spirito della vecchia legge Mammì, la legge n. 223 del 6 agosto 1990, che, partendo dalla giusta considerazione (art. 1) che la diffusione dei programmi ha carattere di interesse generale e che il pluralismo dell'informazione si realizza con il concorso di soggetti pubblici e privati, obbligava all'art. 20 i soggetti titolari di concessione a trasmettere, quotidianamente, telegiornali. "Ovvio che nello spirito di quella legge ora quell'obbligo andrebbe esteso anche alla tv satellitari, almeno a quelle non monotematiche. Per questo il Codacons chiede all' Autorità delle Comunicazioni di modificare la delibera n. 127/00/CONS che regolamenta la diffusione via satellite di programmi televisivi e al Parlamento di modificare il D.Lgs. 31 luglio 2005, n. 177 che stabilisce l'obbligo della trasmissione di telegiornali per chi ha frequenze terrestri (art. 7), senza stabilire regole per le satellitari", conclude l'associazione.
25/03/2009 09:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).