Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, internazionale: la Cina lancia canale in lingua araba. Target: 300 mln di potenziali utenti
Il 25 luglio il colosso tv cinese CCTV dovrebbe dare avvio alle trasmissione di un canale internazionale in arabo rivolto a 300 milioni di persone di 22 Stati, che si aggiunge a quelli già in funzione in inglese, in francese, in spagnolo e che anticipa quello allo studio in russo.
Ne dà conto il provider tv cinese sul suo sito internet, confermando la strategia cinese in corso da un paio d'anni di presidiare i settori più importanti dell'informazione. Zhang Changming, vicepresidente del gruppo, ha precisato che il nuovo programma "servira' da importante ponte per rafforzare la comunicazione e la comprensione tra Cina e Paesi arabi", e ha promesso "alti criteri" di qualita' per programmi continui d'informazione, educativi e di divertimento.
 
 
26/07/2009 07:42
 
NOTIZIE CORRELATE
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
I cinesi ci provano anche con la radio digitale, lanciando un DAB in FM (ma adattabile anche alle onde medie), con un formato, chiamato CDR (China Digital Radio), che si sovrappone alla consolidata tecnologia USA HD Radio e al DRM (qui i dettagli comparativi).
Dopo la joint venture definita nei giorni scorsi con il gruppo Class Editori relativamente alla superstation captive Radio Classica (diffusa in vaste aree del nord, centro e sud Italia), di cui abbiamo dato conto su queste pagine, la Italian International Radio and Media ha definito un'altra importante operazione.
Class Editori ha siglato ieri una joint venture con Italian International Radio and Media, società radiofonica di diritto italiano che fa riferimento al gruppo cinese HMI.