Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Ip. Vivendi chiude Watchever, il suo servizio SVOD tedesco

Alcune indiscrezioni di stampa suggeriscono che sia sul viale del tramonto l’avventura dio Watchever, servizio SVOD tedesco gestito da Vivendi, probabilmente a causa di pessimi risultati competitivi.
La holding Vivendi, guidata da Vincent Bolloré, secondo quanto riporta il quotidiano Les Echos, avrebbe avviato la procedura per la chiusura definitiva (entro il 31 dicembre) di Watchever, la piattaforma SVOD attiva in Germania. La decisione, definita da alcuni come paradossale, coglie di sorpresa soprattutto perché, in luogo alle acquisizioni fatte in Italia, Bolloré aveva più volte evidenziato l’intenzione di unire le proprie piattaforme SVOD in Europa per crearne una unica che potesse competere con il gigante del settore Netflix. Sembrerebbe, tuttavia, continua Les Echos, che Bolloré abbia intenzione di mantenere il personale Watchever che opera in Francia: circa un centinaio di persone, che pare stiano già lavorando alla realizzazione del sopracitato progetto. Secondo alcuni esperti del settore, la chiusura di Watchever sarebbe dovuta alla pessima situazione di un brand che non è mai riuscito realmente a ritagliarsi una porzione di mercato propria; sebbene Vivendi non abbia pubblicati i dati più recenti sugli abbonamenti, pare che il loro numero si aggirasse intorno ai 500mila lo scorso anno e sia sceso, nel 2016, a 200mila circa, producendo inoltre perdite per 73 milioni di euro contro un fatturato di 8,4 milioni. In ogni caso, questi numeri sono stime più o meno approssimative, dato che Vivendi si è rifiutata di pubblicare dati precisi e non sciolgono il dubbio su come mai Bolloré abbia deciso di cestinare praticamente tutti gli abbonati già ottenuti in Germania, finendo probabilmente per lasciarli alla concorrenza. (E.V. per NL)
25/07/2016 10:07
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.
Il governo si prepara a “omogeneizzare la normativa italiana a quelle più stringenti di altri paesi europei, come ad esempio la Francia” in tema di scalate nelle società quotate in borsa o, almeno, così sostiene il relatore del ddl concorrenza Salvatore Tomaselli.