Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. La puntata di Report sul digitale terrestre fa litigare sottosegretario e commissario Agcom
(ADUC) - Il succo di "Modulazioni di frequenze", il servizio di Report andato in onda ieri, domenica 24 maggio su Rai 3, e': nonostante il passaggio al digitale terrestre, con la moltiplicazione dei programmi trasmissibili via etere, cambieranno ben poco gli assetti della televisione italiana, con Rai e Mediaset che continueranno a dominare lo scenario.
Il servizio mette in luce, tra l'altro, anche la lentezza dell'azione dell'Agcom a porre rimedio al mancato rispetti di alcuni vincoli alla pur molto tollerante normativa (nei confronti di Mediaset).  Il servizio ha avuto come prima conseguenza le dimissioni del commissario dell'Autorita' per le garanzie nelle Comunicazioni (Agcom), Stefano Mannoni, da vicepresidente del Comitato Italia Digitale', l'organismo che coordina il passaggio alla tv digitale terrestre.  Una scelta maturata 'in polemica - spiega Mannoni - con le dichiarazioni del viceministro Romani ieri sera a Report'. Il riferimento e' a un passaggio della parte finale della puntata, nel quale Romani ha ipotizzato che sia stato 'qualche commissario dell'Autorita' a fornire al giornalista di Report (Bernardo Iovene) il testo della lettera riservata della Commissione europea sulla procedura di infrazione' aperta da Bruxelles a carico dell'Italia nel 2006 per alcune norme della legge Gasparri. 'Non e' la prima volta - sottolinea Mannoni, uno dei commissari Agcom che fanno riferimento all'area di centrodestra - che Romani mostra un'eccessiva disinvoltura nei confronti delle prerogative dell'Autorita'. Non deve minimamente affermare che i commissari dell'Agcom forniscono documenti riservati ai giornalisti'. Per Mannoni, 'si tratta dunque del punto di arrivo di un modo di fare del viceministro che tiene in scarsa considerazione le nostre competenze. Non ritengo dunque che vi siano piu' le condizioni per continuare la collaborazione: per questo ho presentato questa mattina la mia lettera di dimissioni al presidente dell'Agcom Corrado Calabro''.  A questi link il video integrale del servizio e' la trascrizione scritta http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E1085553,00.html
25/05/2009 14:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).