Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Libano: Lbc, l’emittente proibita perché trasmette talk show sul sesso. Giornalista che ci lavora condannata a 60 frustate
Ricordate la storia di Lbc, l’emittente libanese al centro di uno scandalo per aver trasmesso un talk show in cui un uomo documentava e si vantava delle sue avventure sessuali?
La notizia, non troppo datata, risale allo scorso agosto. Allora le autorità saudite avevano annunciato la chiusura della sede saudita, nella capitale Riad, della tv araba, e l’uomo, Mazen Abdul Jawad, era stato arrestato. Lo scorso 7 ottobre Jawad è stato condannato a cinque anni di detenzione e a 1000 frustate per condotta immorale e violazione della sharia, la legge islamica. Non solo, tre suoi amici che goliardicamente avevano partecipato alla trasmissione, hanno subito una condanna a due anni di reclusione e 300 frustate a testa. L’emittente Lbc, inoltre, è stata oscurata ed è partita una caccia all’uomo nei confronti del principe saudita, il miliardario Al Walid Bin Talal, proprietario del network e del gruppo Rotana, che comprende diversi canali. Ora, l’emittente libanese torna alla (triste) ribalta delle cronache perché una sua giornalista, la ventiduenne Rozana Al Yami, è stata condannata da un tribunale del suo paese a sessanta frustate con delle motivazioni che hanno del grottesco. In un primo momento, infatti, la giornalista era stata accusata d’aver partecipato alla preparazione del programma in cui Mazen Abdul Jawad raccontava delle sue performance sessuali e d’averlo pubblicizzato sul web. Successivamente, però, il giudice ha fatto decadere tali accuse, dichiarandola semplicemente “colpevole” d’aver partecipato part-time alla trasmissione incriminata, ritenendo, ad ogni modo, di doverle infliggere una pena di 60 frustate. È la prima volta che una sentenza del genere colpisce una giornalista nel mondo arabo. Rozana Al Yami ha annunciato che non farà nemmeno ricorso nei confronti della pena inflittale, per paura di riceverne una ancora più dura. “E’ una condanna per tutte le giornaliste”, avrebbe detto all’Afp. (Giovanni Madaro per NL)
26/10/2009 15:28
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Nel corso di una verifica ispettiva dell’INPGI svoltasi nel 2013, è stato rilevato che l’attività di alcuni giornalisti, consistita nel confezionamento di notizie e nel coordinamento di oltre 400 blogger, era da considerarsi, a tutti gli effetti, attività giornalistica.