Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv locali, Umbria: Rte 24H venduta a Canale Italia
Millecanali dà notizia (riprendendo a sua volta un periodico online locale) dell'aquisto da parte della superstation Canale Italia della storica emittente locale umbra RTE 24 H.
Colpo grosso di Lucio Garbo in Umbria e nelle zone limitrofe con l’acquisto dell’ottima rete di RTE 24H, storica antenna locale che ora potrebbe chiudere i battenti, con relativa preoccupazione per i posti di lavoro che potrebbero andare perduti. Vediamo cosa ha scritto il periodico on line www.perugianews.it: «Non è un caso che in Umbria la transizione verso il digitale terrestre continui ad impoverire il panorama televisivo locale. Alla faccia di quanti avevano pensato che l'avvento del digitale avrebbe aumentato il pluralismo e favorito l'ingresso di nuovi soggetti nel panorama informativo nazionale e locale. E così in assenza di un piano strategico regionale sulle politiche industriali per la comunicazione e l'informazione sono ormai diverse le emittenti locali umbre che continuano a vendere le proprie frequenze analogiche a network nazionali così da fare cassa e ripianare magari qualche debituccio. Ma nessuno, fino a ieri, aveva avuto l'ardire (o la necessità) di vendere in blocco tutte le proprie frequenze precludendosi la capacità di continuare ad andare in onda in futuro.E così la storica emittente Rte 24h, pur avendo conservato la propria ragione sociale, le strutture, le strumentazioni, la testata giornalistica - diretta da Alessandra Fischi - ed uno staff di redazione composto da 9 giornalisti e 9 tecnici, da ieri è priva della propria capacità trasmissiva. Ovvero, è sparita dagli schermi dei propri telespettatori senza alcun avviso né comunicato di commiato. Al suo posto i teleutenti increduli troveranno Canale Italia, network nazionale del gruppo Garbo che ha acquistato le frequenze dall'editore di Rte. Pertanto, come una bella barca a cui hanno venduto il mare su cui navigare, Rte 24h resta insabbiata tra le secche del mercato della comunicazione in attesa che piova. Pioverà? Ce lo auguriamo, per tutti i colleghi e i tecnici che non sanno ancora se abbandonare la nave o continuare a sperare che arrivi acqua da un nuovo canale… digitale». Fra le reazioni, quella di Gianluca Rossi del PD (partito particolarmente importante in zona). "Il ricco panorama dell'emittenza locale ha contribuito a rendere in anni recenti più forte l'identità dell'Umbria: raccontando la realtà regionale ai suoi abitanti, la tv locale è diventata ben presto Tv di servizio; un fatto importante e consolidato che con la chiusura di Rte 24h viene per la prima volta messo in discussione". Gianluca Rossi, capogruppo del Partito democratico nel Consiglio regionale, commenta con "amarezza e preoccupazione" la vicenda della cessione delle frequenze televisive di Rte24h al network veneto Canale Italia. Lo riferisce una nota della regione. "Un impoverimento non solo in termini di pluralismo e di posti di lavoro - commenta Rossi - ma anche per quanto riguarda quell''informazione di vicinanza di cui, nel mondo di oggi appiattito sullo strapotere dei media nazionali e globali, si sente sempre più bisogno".
10/11/2009 09:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.