Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Obiettivo risparmio: Tf1 (Francia) cambia strategia, Mediaset rassicura i dipendenti

Le televisioni non sopravvivono più solo con la pubblicità e cercano nuovi modelli di business. Le emittenti televisive stringono la cinghia: Mediaset ha dichiarato l’obiettivo di risparmio di 123 milioni di euro entro il 2020, mentre, secondo quanto riporta Italia Oggi, il canale francese Tf1 si prefigge di risparmiare 25-30 milioni di euro ogni anno.
Obiettivi forse ambiziosi, ma che si impongono di fronte al crollo del conto economico: per Tf1, ad esempio, il risultato operativo del 2016 è stato un terzo di quello dell’anno precedente. In che modo raggiungerli? La strategia di Gilles Pelisson, presidente di Tf1, viaggia su un duplice binario: riduzione drastica degli acquisti più dispendiosi, come i diritti sportivi e cinematografici, e distribuzione delle trasmissioni solo su piattaforme adeguatamente redditizie. Tf1 ha infatti avviato trattative con gli operatori delle telecomunicazioni per concordare il giusto prezzo delle trasmissioni attraverso i loro pacchetti. In mancanza di un accordo vantaggiosi, il canale non consentirà la diffusione dei propri format.  Molto meno chiara è invece la strategia di Mediaset, al punto da allarmare i sindacati, preoccupati che l’azienda possa ricorrere a licenziamenti o chiusure di sito, con connessi trasferimenti di personale. Da tempo, infatti, i giornalisti romani del Tg5 temono lo spostamento dell’attività a Milano. Le preoccupazioni sono però state subito sedate da un incontro con i vertici del Biscione: Marco Giordani direttore finanziario, e i direttori del personale Niccolò Guerci e Luigi Motta. Dopo il meeting sono stati proprio gli esponenti di Uilm e Scl Cgil a chiarire che, nell’eventualità di qualsiasi intervento sul personale, l’azienda intende preventivamente discutere con le organizzazioni e che, comunque, nella strategia di Mediaset non sono previsti tagli di personale né trasferimenti. Sindacati e dipendenti tirano un sospiro di sollievo. (V.D. per NL)
17/02/2017 16:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.