Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, RAI, Sanremo: record di ascolti televisivi ma anche di click
Dopo essersi esibito a Sanremo, Burt Bacharach ha chiesto alla stampa italiana come fosse possibile che la programmazione del festival durasse anche fino all’una di notte. Dietro lo stupore si celava un interrogativo più che legittimo: “Gli italiani non vanno al lavoro la mattina?”. Una risposta, benché parziale, la possono dare i dati raccolti sul traffico online registrato su Rai.it. Un modo per spiegare (la speranza è questa) che molti telespettatori, arresisi di fronte ad una programmazione di circa quattro ore, hanno preferito consultare i propri contenuti preferiti sul web ad orari compatibili con i propri impegni professionali, cercando le canzoni o gli sketch preferiti tra i molteplici offerti dal festival. Rispetto al 2008 sono saliti rispettivamente del 50% le pagine viste e del 39% gli utenti unici che hanno preferito seguire online Paolo Bonolis e soci. Tra i dati più significativi sono stati segnalati 2,5 milioni di visualizzazioni dei video-clip pubblicati su Rai.it, 500mila dei quali dedicati al vero mattatore del Festival Sanremo, Roberto Benigni. Il significato di questa migrazione sul web dei telespettatori potrebbe davvero essere quella delle tempistiche del festival, troppo lungo per essere seguito per intero, sera dopo sera. Motivo per cui l’integrazione tra tv e internet sarà da considerare sempre più importante anche per gli autori del festival della canzone italiana. (Marco Menoncello per NL)
23/02/2009 08:54
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.