Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, RAI, Santoro. Consigliere Verro: "Il servizio pubblico non può permettersi di scadere a livelli così bassi di qualità televisiva"
"Il servizio pubblico deve sempre essere in grado di rispettare le sensibilità di tutti.  Ieri e giovedì scorso questo non è accaduto. La RAI appartiene a tutti i cittadini italiani e un suo programma non può assumere la dimensione provocatoria e faziosa della lotta politica o, peggio, della rivalsa", ha dichiarato il consigliere RAI Antonio Verro. Che ha continuato: "Comprendo e condivido l’indignazione di chi si è sentito profondamente offeso nel proprio sentimento religioso dalle vignette di Vauro. Trovo inaccettabile, inoltre, prendersi gioco dei vertici della propria Azienda facendosi forte dell’alto profilo della trasmissione e scudo della fedeltà del proprio pubblico. Il servizio pubblico non può permettersi di scadere a livelli così bassi di qualità televisiva e per giunta di fronte a una platea così vasta. Sono certo che il Consiglio di Amministrazione procederà nel modo più opportuno e sarà in grado di offrire una risposta che tutelerà e farà più forte l’Azienda”.
 
 
17/04/2009 19:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Pollice verso per Michele Santoro da parte del Tribunale di Milano che respinge l’appello del giornalista contro la condanna risalente al 29 maggio 2015 e che lo obbligava a risarcire per 30mila euro complessivi Mediaset per diffamazione.
Dallo scorso 18 giugno, data che coincide con la chiusura del programma “Servizio Pubblico” (uno dei talk show politici più seguiti degli ultimi anni), e che decretò la fine dei rapporti tra Michele Santoro (foto) e La7, è trascorso ormai molto tempo.
Il nuovo programma si prospetta essere uno degli appuntamenti più attesi di quest’ultimo scorcio di stagione televisiva: i veri protagonisti saranno i giovani, ricalcando la formula del primo Amici di Maria De Filippi (il talk generazionale degli anni Novanta, non il talent di oggi).
Il direttore Angelo Teodoli punta sull’informazione, sulla complessità e sull’investimento in nuovi progetti.
Lo show condotto da Michele Santoro non ha soltanto centrato l'obiettivo Auditel (share 33,58%), ma è stato anche il più commentato di sempre sui social network.