Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, RAI: un editoriale di Enrico Ghezzi su venti anni di Blob
Blob vent’anni dopo Blob. Ovvero: vent’anni di blob condicio. Utile e bizzarro ricordare che lo spazio di blob, prima di quel 17 aprile 1989 in cui prese il via il programma, era stato occupato e tenuto per quindici mesi dalla precisione aristotelica implacabile e potente della prima ‘produzione’ di Schegge, ovvero Vent’Anni Prima, pesante e insieme fantasmagorica sfilata quotidiana delle immagini e dei ‘servizi’ dei tg dello stesso giorno di vent’anni prima”.

Così Enrico Ghezzi, parla della trasmissione di Raitre che domani, venerdì 17 aprile festeggia i 20 anni. “Ora – sostiene Ghezzi - arrivata la televisione al proprio ‘vent’anni dopo Blob’, appare chiara una sorta di anomalia psicolinguistica già nel titolo del serio troppo serio “vent’anni prima”. Non un ‘vent’anni fa’ inserito nel flusso del o di un presente. Vent’anni ‘prima’ di un flusso che è già riflusso, condanna stretta alla ripetizione e al ritorno, nastro di moebius che si svolge e riavvolge a ogni istante. L’inanità della celebrazione del ventennio blobbista può e forse deve far spazio alla ricorrenza, al puro ‘ricorrere’. Due anni fa (diciott’anni ‘dopo’) giocammo con l’impossibile diventar maggiorenne di Blob, il suo non mettere la testa a partito, dato che la sagesse ne viendra jamais (Debord). Ora, cosa resta di blob, se non proprio il suo resistere all’evoluzione, alle maschere del progresso televisivo e non? Blob è il giochino di una sera, che esibisce la ripetizione e il mancare flagrante dell’originale già nella più primigenia e ultracentenaria delle immagini; o è missione impossibile e suicida, migliaia di ore di un rimontaggio ininterrotto e inesausto, eppure stanco fin dall’inizio, malato dello sfinimento dell’epidemia televisiva. In mezzo, un continuo surplace, un ritorno e un riconoscimento continuo, il trasalimento angoscioso del riconoscersi ripetizione. Possiamo anche far finta di saperla lunga, sul funzionamento e il senso della tv. Ma questa è ideologia del blobbismo, inteso come trucco di linguaggio e di montaggio, critica facile o espiazione vendicativa. Blob non la sa lunga, la fa lunga e lunghissima, a partire dal più irrilevante degli istanti in cui appaiono condensarsi tutta la storia e il desiderio del mondo. Blob è la capsula iniettata nel sangue del corpo televisivo diffuso, immessa in tale corpo per un viaggio allucinante che forse cerca un virus mimandone e seguendone gli stessi movimenti, essendone il tracciato e infine direttamente essendolo. Infine e senza fine (perché mai interromperlo in un ‘adesso’, quando gia’ dopo quindici giorni ci avvenne di pensare che avremmo smesso lì, una volta verificato l’automatico brillante (im)meritato ‘successo’ di un programma che era il trionfo del ‘già successo’ dell’accaduto del nulla televisivo formicolante?), persistendo in una ‘blob condicio’ ambigua che a ogni elezione micro o macro (è il caso di ‘questi giorni’ o di questo terremoto), lo considera o lo sospinge, nel recinto comico e ideologico della satira, blob non può e non vuole celebrarsi oltre la propria anacronistica ostinazione di essere in onda, quasi cancellato e ancora visibile in essa. Tanto che diverte se mai fingere di sognare quello che sembrerebbe una proposta troppo poco indecente o un sogno smisurato, meglio se già sognato e praticato in quest’anno che muterà tutta la tv in Italia senza mutarla, cambiandone ‘solo’ la sostanza. Nell’orizzonte dello schermo digitale, portare alla massima visibilità l’invisibilità di blob e la sua ‘indifferenza’ (o viceversa). Una rete digitale tutta intera mutata in blob per cento o mille ore o mille giorni, un intero canale incessantemente dissodato arato seminato alluvionato bruciato ; blobbato”.

17/04/2009 06:37
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.