Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Rapporto IT-Media Consulting: nel 2009 mercato da 8,4 miliardi. Sky supera Mediaset, che supera Sky (nel 2011)
A fine 2009 il mercato televisivo italiano - canone, pubblicità, abbonamenti e servizi a richiesta all'utente finale - raggiungerà complessivamente gli 8,4 miliardi. Con una crescita di poco superiore all'1% annuo varrà, a fine 2011, 8,9 miliardi.
La pubblicità, in calo nel 2009, torna a crescere solo nel 2011 (-2,1% annuo sui tre anni). La pay-tv cresce (7,2% annuo) grazie all'offerta del digitale terrestre e alla diffusione, seppur limitata, della Iptv, la tv su protocollo Internet. E Sky sorpassa Mediaset che a sua volta, però, tornerà a superare la tv di Rupert Murdoch nel 2011. E' quanto emerge dal terzo rapporto 'Il mercato televisivo in Italia: 2009-2011' di ITMedia Consulting, società di consulenza nel settore dell'economia digitale fondata da Augusto Preta. Al 2011 quasi 22 milioni di abitazioni saranno digitali, con una penetrazione del 92%. La tv analogica, infatti, è destinata a perdere quote di mercato a vantaggio del Dtt che, al 2011, entrerà nel 56% delle case. Il satellite non crescerà molto in termini di penetrazione a causa della saturazione del mercato, mentre rimarrà secondaria, ma con una crescita significativa, la quota dell'Iptv. L'evoluzione va verso un'offerta che comprende servizi ibridi broadcast-broadband, che permettono la distribuzione di video tramite connessione a banda larga e collegando direttamente il set top box del televisore al pc (over-the-top tv). Attualmente questi servizi hanno un impatto limitato nel mercato tv, ma se ne prevede uno sviluppo dal 2011. La pay tv è presente in quasi il 40% della popolazione e, spinta dalla maggiore diffusione del digitale, nel 2011 entrerà in quasi la metà delle abitazioni italiane. Inoltre, mentre la pubblicità è la risorsa prevalentedel digitale terrestre, forte di un'offerta in chiaro che va rafforzandosi, il satellite continuerà a sostenersi prevalentemente con gli abbonamenti alla tv a pagamento. Nonostante il periodo sfavorevole e il sostanziale equilibrio nelle quote di mercato fra i tre operatori principali, il mercato tv italiano è molto dinamico. Nel 2009 Sky Italia sorpassa Mediaset e diventa primo operatore nazionale con 2,7 miliardi di ricavi da abbonamenti e pubblicità, ma sarà di nuovo superato da Mediaset nel 2011. Nei tre anni, la tv satellitare incrementerà i ricavi a un tasso medio annuo del 2,7%. Rai è l'operatore che risente maggiormente della crisi, ma avrà comunque, al 2011, ancora il 30% del mercato. Telecom Italia resterà un attore secondario nel mercato televisivo: cedute le attività in pay-per-view sul Dtt, l'offerta a pagamento consiste esclusivamente nell'Iptv, che, al 2011, rappresenterà il 41% del totale ricavi. Mediaset manterrà il primato della raccolta pubblicitaria, mentre Sky sarà leader nella pay-tv, ma entrambi ridurranno, a causa di una più forte concorrenza multipiattaforma, la propria quota all'interno del mercato di riferimento. (ANSA)
 
 
 
 
 
17/11/2009 06:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.