Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Romani: "Asimmetria regolamentare tra digitale terrestre, satellitare e Iptv". Cioè?
'In prospettiva dovremo porci il problema delle possibili asimmetrie regolamentari tra le diverse piattaforme televisive'. E' l'enigmatico monito del viceministro al MSE-Comunicazioni, Paolo Romani, intervenuto oggi a Roma alla presentazione del rapporto It-Media Consulting sul mercato televisivo. 'C'e' un segmento iper-regolamentato, cioe' la tv terrestre - ha spiegato Romani - e altri due, il satellite che e' pressoche' monopolista, e la tv su protocollo Internet che sta nascendo e ci auguriamo abbia un forte incremento, che invece sono totalmente liberi. Partendo dal concetto di neutralita' tecnologica, per garantire una concorrenza pulita dovremo porci il serio problema di maggiori simmetrie tra le regolamentazioni delle diverse piattaforme. Anche perche' ci auguriamo - ha precisato Romani - che la concorrenza tra piattaforme ceda il passo a quella fra i contenuti'. Cosa significa? Che dobbiamo deregolare l'affannato digitale terrestre (magari a favore dei big player in difficoltà, al di là delle dichiarazioni di facciata) o aumentare la pressione normativa sul rampante satellitare e sul promettente cavo? Siamo sicuri che Murdoch non mancherà di esprimersi presto a riguardo.
 
 
24/06/2009 18:58
 
NOTIZIE CORRELATE
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.
Sky Italia ha chiuso il secondo trimestre dell’anno fiscale 2016 (30/06/2016), vedendo crescere gli abbonati (+17mila) e i ricavi (+13%), attestando l'utile operativo a 67mln di euro, in sensibile diminuzione (-11mln) rispetto allo scorso anno fiscale.
Ha il via anche in Italia, dal 24 giugno, il rebranding del servizio SVOD di Sky che diventa Now Tv, come già fatto nel Regno Unito nel 2012. L’obiettivo è offrire un servizio meno caro, aumentare i contenuti e proporli tutti in HD.
Il gruppo di Rupert Murdoch chiude il terzo trimestre con perdite per 131 milioni di euro a causa di un fatturato complessivo che cala del 7%. In positivo solo i servizi web in campo immobiliare.