Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, sistemi di regolamentazione. Incontro tra il sottosegretario Romani e il vicepresidente di Chinasaft
Un confronto tra gli aspetti regolamentari del sistema radiotelevisivo italiano e quello cinese e un’analisi dello sviluppo radiotelevisivo in Italia ed Europa, soprattutto nell’ottica del passaggio dalla tecnologia analogica a quella digitale.
Questi sono stati gli argomenti al centro di un incontro ufficiale tra il Sottosegretario alle Comunicazioni Paolo Romani e Lei Yuanliang, VicePresidente dell’Amministrazione Nazionale della radiotelevisione cinese Chinasaft. Ne dà notizia una nota del Ministero dello Sviluppo Economico. Il vicepresidente dell’organismo ministeriale cinese di regolamentazione e controllo delle attività di radiodiffusione, dei prodotti audiovisivi e delle imprese del settore è in Italia nell’ambito di un progetto di collaborazione tra Rai e tv di stato cinese CCTV con la creazione di una società mista - continua la nota - per la realizzazione di 16 canali regionali in lingua cinese in Europa e la promozione del made in Italy in Cina e della nostra produzione audiovisiva. L’intesa per la collaborazione nei settori audiovisivi e dei canali satellitari, avviata nel corso di un incontro bilaterale tra il Presidente del Consiglio Berlusconi e il primo ministro Wen Jiabao al summit ASEM, è stata raggiunta alla fine dello scorso anno con la sottoscrizione di un MOU e ha avuto già inizio con uno scambio di prodotti cinematografici da trasmettere sui reciproci canali televisivi. Un accordo – conclude la nota - che permette di portare grandi benefici, non solo economici, ma anche culturali con l’obiettivo di facilitare, attraverso il linguaggio televisivo, la conoscenza reciproca per incentivare le relazioni economiche e politiche tra Italia e Cina.
29/04/2009 18:31
 
NOTIZIE CORRELATE
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
Come è noto nei giorni scorsi sono stati pubblicati dalla DGSCERP del Mise i provvedimenti con cui, ai sensi del bando del 02/05/2016, sono state approvate le graduatorie dei fornitori di servizi media audiovisivi per il servizio televisivo digitale terrestre relativi alle regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Puglia.
Il Ministero dello Sviluppo Economico interviene sulle indiscrezioni di stampa pubblicate nei giorni scorsi a riguardo di un presunto fallimento dell'operazione "canone RAI in bolletta", secondo le quali quasi un italiano su due non avrebbe provveduto al versamento, con punte del 60% al Sud.
I cinesi ci provano anche con la radio digitale, lanciando un DAB in FM (ma adattabile anche alle onde medie), con un formato, chiamato CDR (China Digital Radio), che si sovrappone alla consolidata tecnologia USA HD Radio e al DRM (qui i dettagli comparativi).