Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, Spagna. Sfuma la vendita di VeoTv a Secuoya: probabile affitto di un canale a Discovery

RCS rifiuta l’offerta di 60 mln per VeoTv di Secuoya; si parla di affitto di uno dei canali a disposizione della controllata, probabilmente al gruppo Discovery.
Secondo quanto riferito da Milano Finanza, il gruppo editoriale RCS avrebbe rifiutato l’offerta di Secuoya per la spagnola VeoTv. La proposta si aggirava intorno ai 60 mln di euro e, questo rifiuto, è da interpretarsi probabilmente con la volontà di bloccare la vendita in favore della possibilità di noleggio della sua attività trasmissiva. All’affitto potrebbe essere interessata la spagnola Mediapro, partecipata al 50% da BeIn Sports, braccio operativo di Al Jazeera, al fine di ampliare la sua presenza sul suolo iberico. Tuttavia, in queste ore, il titolo RCS in borsa sta salendo, arrivando a guadagnare i 4 punti percentuali, a causa di alcune indiscrezioni di stampa (la cui provenienza non è meglio precisata) che vorrebbero il gruppo Discovery in trattativa per il controllo di uno dei due canali spagnoli di VeoTv; Discovery, fra l’altro, era segnalato fra i possibili acquirenti insieme alla già citata Secuoya e Kiss Fm. Il noleggio dovrebbe avere, secondo le stime, un valore di 3,5 mln di euro annui. (E.V. per NL)
14/03/2016 16:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Da ieri Discovery ha un nuovo organigramma. Marinella Soldi, che rimane president and managing Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Francia), sarà supportata nel mercato italiano dal general manager Alessandro Araimo, precedentemente chief operating officer di tutta l’area South Europe.
Nove Hd, la versione ad alta definizione del canale DTT di proprietà di Discovery Italia (ovviamente su LCN 9), dal 1° marzo sarà anche sulla piattaforma di Tivùsat, la tv satellitare che permette di vedere gratuitamente la programmazione del digitale terrestre.
Il 2016 di Discovery Communications si è chiuso con i ricavi a +2% (pari a 6,5 miliardi di dollari) rispetto all’anno precedente. Un risultato sopra le aspettative nonostante una raccolta pubblicitaria non brillante e un tasso di cambio che de facto ha abbassato di due punti percentuali la crescita degli introiti.
Alla fine l'operazione tra Discovery e Radio Italia si è concretata, anche se non della direzione della concessione per la vendita degli spazi pubblicitari dell'emittente di Volanti (che si è invece riaccasata da Manzoni - Gruppo L'Espresso) o addirittura di una cessione di quote societarie, come si era parlato dalla primavera 2016.
Discovery chiude il 2016 con una raccolta pubblicitaria pari a 200 milioni di euro, in crescita del 14% circa rispetto all’anno precedente.