Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv. Svizzera. "Schweizer Sportfernsehen": diffusione analogica sulla rete di Cablecom
Cablecom Sarl è tenuta a proporre il canale sportivo "Schweizer Sportfernsehen" (SSF) nella sua offerta analogica. L'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha accolto la domanda relativa all'obbligo di attivazione inoltrata dall'emittente televisiva.
La programmazione di SSF soddisfa nell'insieme i requisiti per un obbligo di attivazione. L'UFCOM ha pertanto deciso che dal 1° luglio 2009 e per un periodo di tre anni, l'operatore via cavo Cablecom è tenuto ad aggiungere i programmi dell'emittente sportiva alla sua offerta analogica per la Svizzera tedesca (decisione must-carry).
Elemento determinante per l'accettazione della domanda è stato il concetto di programmazione cui fa capo l'emittente. Orientandosi allo sport marginale e di massa, SSF si occupa di un settore trattato solo in parte dall'offerta delle altre emittenti, che si occupano soprattutto di calcio, hockey su ghiaccio, tennis, formula 1 e sci.
L'UFCOM è giunto alla conclusione che lo sport contribuisce notevolmente alla formazione, all'evoluzione culturale e all'intrattenimento della popolazione, oltre ad essere positivo per la salute, l'integrazione e lo sviluppo della personalità. L'importanza che lo sport assume a livello sociale e culturale è principalmente riconducibile alla sua varietà e alla sua complessità. Ai sensi della legge, la radio e la televisione sono tenute a riflettere al meglio i vari aspetti dello sport e a questo proposito l'orientamento dei programmi di SSF contribuisce in modo sostanziale alla varietà del paesaggio mediatico.
Conformemente alla legge sulla radiotelevisione (LRTV), i cablo-operatori possono essere costretti ad attivare gratuitamente nella rete analogica fino a 25 emittenti televisive. Questa disposizione vale anche per le emittenti senza concessione come SFF se forniscono un contributo particolare al mandato di prestazioni costituzionale. Cablecom diffonde attualmente nella sua rete analogica via cavo meno di 25 emittenti con obbligo di attivazione; è pertanto ragionevole pretendere che trasmetta anche SSF. Si tratta del primo programma la cui attivazione è stata imposta mediante decisione.
24/02/2009 18:27
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
All'inizio del 2020 la RSI servirà il pubblico con un'offerta più ampia e lancerà un'offerta nuova, Web LA 2, che destinata a sostituire RSI LA 2, sarà disponibile su dispositivi mobili, online e sulla Smart TV interattiva (il successore digitale del teletext analogico.
Risolta l'annosa querelle delle interferenze tra il network provider nazionale Retecapri e l'Ufcom, l'Ufficio federale per le comunicazioni della Confederazione elvetica.
La Discovery Communications e la SSR (la concessionaria svizzera pubblica radio-tv) hanno stretto per i giochi olimpici un accordo pluriennale che garantirà ai telespettatori una copertura completa e offrirà loro la possibilità di seguire ogni istante delle olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 e delle olimpiadi estive di Tokio 2020 su diverse piattaforme.
Il 18 luglio la Swisscom smantellerà l'antenna di Cima di Dentro ad Isone nel Canton Ticino (inattiva dal 2008 dopo lo spegnimento della trasmittente in onde medie), che per 37 anni aveva irradiato la programmazione italiana della RSI - Radio Monte Ceneri anche in gran parte del Nord Italia.