Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TV: troppi programmi spostati, il Codacons protesta
Scrive l'associazione di consumatori: "Il Codacons sta ricevendo da diverse ore numerose segnalazioni di telespettatori che protestano contro gli spostamenti improvvisi di alcuni programmi dai palinsesti tv.

Le trasmissioni che hanno subito cambi nei giorni di programmazione, creando fastidi e proteste da parte dei cittadini, sono "X Factor' e "Amici'. Il primo, in onda su Rai2, viene spostato dal lunedì al martedì. "Amici', in onda il mercoledì su Canale 5, viene anticipato al martedì. "Questi cambiamenti di palinsesto hanno ripercussioni su altri programmi, che a loro volta subiscono spostamenti o cambi d'orario, e finiscono per disorientare e infastidire i telespettatori, soprattutto se si tratta come in questo caso di trasmissioni con grande seguito e in onda da tempo - afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - Le reti tv dovrebbero dimostrare maggiore rispetto verso gli utenti, effettuando spostamenti di palinsesto solo in casi particolari (come ad esempio in occasione di partite di calcio o speciali di informazione), e rinunciando a logiche pubblicitarie e di audience che finiscono per danneggiare unicamente i telespettatori'

16/03/2009 16:27
 
NOTIZIE CORRELATE
“Finalmente si farà chiarezza sull`utilizzo dei soldi pubblici da parte della rete di Stato: domani porteremo al procuratore generale della Corte dei Conti un corposo dossier di oltre 200 pagine, contenente tutti gli sprechi di risorse pubbliche all`interno della Rai e chiederemo di estendere l`inchiesta a 360 gradi”.
"Un'importante vittoria dei consumatori". Così il Codacons giudica la multa da 200mila euro inflitta dall'Antitrust a Rti. "La vicenda - spiega l'associazione - nasce da una nostra diffida inviata lo scorso anno a R.T.I.
"Vittorio Feltri è stato rinviato a giudizio per il reato di diffamazione". Lo ha deciso il Gup di Monza Dott. Gerosa accogliendo la richiesta del Codacons, che, spiega in una nota "subì ingiustamente un danno a seguito della pubblicazione di un articolo gravemente diffamatorio de Il Giornale".
"Per anni - scrive in un comunicato l'associazione Codacons - lo Stato Italiano ha costretto gli italiani a pagare un odioso balzello, la cosiddetta "tassa di concessione governativa', corrisposta dagli intestatari di un abbonamento di telefonia mobile nella misura di 5,16 euro mensili se privati e di 12,91 euro se business".
In data odierna il Comitato per l’ applicazione del Codice di autoregolamentazione in materia di rappresentazione di vicende giudiziarie nelle trasmissioni radiotelevisive presso l'Agcom si è riunito per la nomina del nuovo presidente.