Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tv, USA: il prossimo passo di Murdoch potrebbe chiamarsi NBC
Solo qualche giorno fa si parlava del diverbio tra Fox e il Governo USA. Anita Dunn, direttore della comunicazione alla Casa Bianca, indignata dal comportamento di Fox News verso il governo, spiegava che, d’ora in poi, avrebbe trattato il network come un qualunque partito d’opposizione.
L’organo d’informazione favorito dai repubblicani aveva, infatti, duramente criticato l’operato di Obama, per mezzo di due noti opinionisti dell’emittente. Il caso vuole che negli stessi giorni il presidente Usa, ormai in affanno "d'immagine" dopo una partenza spedita, venisse insignito di un probabilmente prematuro premio Nobel per la pace, ragion per cui la perplessità (o, in molti casi, la disapprovazione) generale aveva subito una pericolosa impennata. Nel quadro delle polemiche, Rupert Murdoch (foto), proprietario del network Fox, non si è limitato a commentare la questione in termini di share, spiegando che le “dure osservazioni su Obama” avrebbero consentito di incrementare notevolmente gli ascolti. Il tycoon australiano avrebbe, infatti, provocato il governo rammentando al grande pubblico che Obama sarebbe evidentemente contrario a tutti quei grandi cambiamenti del business che in questo momento potrebbero aiutare, se non risolvere, il recente scenario di crisi economico-finanziaria. E non sarebbe del tutto sbagliato pensare che tra i “grandi movimenti” indicati da Murdoch siano da considerare l’intenzione di rendere a pagamento tutti i quotidiani online di NewsCorp. – questione di cui si parla ormai da mesi – e un interesse, per adesso ancora piuttosto vago, sulle sorti del network NBC, il cui dossier prevedeva, meno di un mese fa, la cessione del 51% della società a Comcast (con il restante 49% alla General Electric). Secondo il magnate delle telecomunicazioni - che ha tenuto a precisare di non essere impegnato in nessun negoziato formale per la NBC - il grosso della crisi è passato (anche se ha tenuto a precisare che "non stiamo per andare verso un'impennata della crescita"). Però, ora  è necessario ricominciare a muovere il mercato nell’intento di rafforzare l’economia e creare posti di lavori . Murdoch, oltre a confermare la guidance del 2009 per l’anno venturo, ha confermato di poter contare su una liquidità di 7 miliardi di dollari. Chi lo seguirà? (Marco Menoncello per NL)
18/10/2009 09:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Il network americano Nbc ha acquistato il 25% di Euronews per 30 milioni di dollari. L’accordo ha avuto il via libera anche della Commissione Europea che finanzia il canale francese, il cui capitale è suddiviso tra 21 reti pubbliche tra le quali la stessa Rai.
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.